Tu Sei Qui: Balistica Venatoria

Pallini Caccia: Pallini e Pallettoni da Caccia

PALLINI E PALLETTONI DA CACCIA:

Un tempo c’erano soltanto i pallini di piombo ed assolvevano egregiamente alla propria funzione. Successivamente la tecnica ha messo a disposizione i pallini temperati, fabbricati cioè da una lega di piombo e antimonio dal 2 al 5 per cento e meno deformabili dei comuni. Infine ne esistono altri tipi e ciascuno ha proprie caratteristiche finalizzate a particolari circostanze di caccia.
Leggi tutto...

La Distanza di tiro del Selvatico

Il selvatico a cui si spara si trova solitamente fra venti e cinquanta metri e quindi le strozzature dei fucili sono state create in modo da dare a tali distanze risultati ottimali. In una serie di prove con cartucce caricate con 36 grammi di pallini numero 7 si sono ottenute in un cerchio di 70 cm le seguenti percentuali.  

Leggi tutto...

Rosata nei fucili da caccia

cani da cacciaOgni rosata ha una lunghezza determinata dalla distanza, dalla spinta che ricevono i proiettili e dalla densità dell’aria. Per averne un’idea si consideri che con una canna strozzata full ( mm. 1) e di calibro 12 la lunghezza della rosata è pari a poco più del 10% della distanza. A dieci metri quindi se composta da 35 grammi di proiettili  n.7 sarà lunga 1,10 metri e in verticale misurerà 34 cm. A venti metri invece sarà di circa 2 metri e così via. E’ quindi intuitivo come ad una notevole distanza anche la lunghezza della rosata sia significativa e questo ha notevole importanza nel tiro. Un esempio pratico consente di trarre alcune altre considerazioni.  Si consideri un germano a 50 metri dal cacciatore che ha nel proprio fucile una cartuccia  con 36 grammi di pallini n. 4, canna strozzata ( full).

Leggi tutto...

Provare la rosata della propria arma

Provare la rosata della propria armaRelativamente facile eseguire una prova di rosata che consiste nel calcolare la percentuale di pallini che fuoriescono dalla canna e si indirizzano sul bersaglio irradiandosi come uno sciame longitudinalmente e trasversalmente. La dispersione però non è mai casuale ma dipende dalla qualità di costruzione della canna, dalla sua lunghezza e strozzatura ma anche dalla carica di piombo , il tipo e la qualità di pallini e infine dalla quantità di polvere che li spinge. Nelle prove alla diverse distanze è però necessario usare sempre cartucce uguali.

Leggi tutto...

Cartuccia da Caccia

La cartuccia si compone di un involucro, detto bossolo, un tempo costruito in cartone o metallo, oggi quasi esclusivamente in plastica.

Nel suo interno è alloggiata la polvere da sparo, un apparecchio di accensione e un proiettile o, nel caso dei pallini, più proiettili. Inizialmente i fucili venivano caricati dalla bocca con una serie di manovre che ne limitavano la funzionalità. Bastava infatti un po’ di umidità o un soffio di vento per render vana la scintilla che avrebbe dovuto incendiare la polvere.
Leggi tutto...

Fucile Semiautomatico

Sono i fucili ad una canna ed a ripetizione manuale. L’automatico a leva fu ideato dai tecnici della Winchester nel 1887 su progetto di Browning . Sparato un colpo  si sposta in avanti una leva sotto il ponticello: in questo modo un meccanismo arretra l’otturatore, arma il cane espelle il bossolo e nel tornare nella posizione iniziale spinge una cartuccia nella camera di scoppio.
Leggi tutto...

Fucile Automatico, Sovrapposto o Doppietta?

L’interrogativo ha tre risposte e tutte egualmente valide. Di sicuro oggi i diversi tipi di fucile hanno raggiunto un notevole grado di qualità e quindi la scelta è condizionata dal particolare tipo di caccia. I costruttori di  semiautomatici hanno alcuni problemi in meno dei fabbricanti di doppiette e sovrapposti ed in particolare non devono preoccuparsi della convergenza, cioè fare in modo che le due canne sparino “esattamente” nel medesimo punto. Lo si ottiene quando l’arma a due canne colloca le due rosate  a 35 metri ad una distanza di non più di 7 cm l’una dall’altra.
Leggi tutto...

Pagina 2 di 3

Feed RSS: Leggi le news venatorie
Banner
Banner
Banner