Legge di Semplificazione, Cacciatori Lombardi contrari alle 3 giornate fisse

L’associazione venatoria ha commentato il testo appena approvato dalla Regione Lombardia, criticando gli aspetti più controversi.

0
miratoria - tordo bottaccio

Giornate fisseL’Associazione Cacciatori Lombardi ha pubblicato un nuovo comunicato stampa che riguarda la cosiddetta “Legge di Semplificazione”. Secondo l’associazione venatoria, nonostante il nome questo testo tende a complicare di parecchio le regole. La Regione Lombardia ha approvato alcune modifiche in tema di caccia, ma nella nota ci si chiede in che modo si tiene conto dei portatori di interessi legittimi.

Uno degli aspetti che ACL non ritiene giusto è quello dei tre giorni fissi: l’associazione ha deciso di dichiarare apertamente come un atteggiamento del genere non sia comprensibile, senza dimenticare che a qualcuno non è bastata la bocciatura della delibera dell’Ambito Territoriale di Caccia Unico di Brescia in cui si eliminava la caccia vagante alla migratoria. I Cacciatori Lombardi, quindi, si dissociano da una politica venatoria del genere.

Uno dei pochi aspetti positivi è rappresentato dalla timida apertura in merito alla spedizione del tesserino venatorio, un piccolo passo in avanti verso la sconfitta della burocrazia. Intanto, l’associazione ha intercettato per la terza volta il Ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, incalzato proprio sul tesserino, le deroghe, l’ISPRA e i roccoli.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO