Tu Sei Qui: Notizie Ultime

Richiami Vivi: Lombardia, prorogata la registrazione in banca dati entro il 20 ottobre

Richiami Vivi: Lombardia, prorogata la registrazione in banca dati entro il 20 ottobreLa banca dati dei richiami vivi di cattura e di allevamento è stata costituita a seguito di esplicita richiesta da parte della Commissione Europea e rappresenta uno dei due impegni fondamentali imposti dalla stessa Commissione per non aggravare il contenzioso comunitario, nonché il presupposto per l’adozione dei provvedimenti di autorizzazione delle catture del 2013 e del 2014.

Solo grazie alla banca dati è stato infatti possibile ottenere il parere favorevole di ISPRA. La costituzione e il popolamento della banca dati hanno comportato un notevole sforzo economico ed organizzativo che ha coinvolto, oltre a Regione Lombardia, Province, Associazioni venatorie, TC/CAC e cacciatori. Come noto, la normativa regionale prevede che, per potere utilizzare i richiami nell’attività venatoria, è necessario che questi siano registrati in banca dati.

Leggi tutto...

Federcaccia & Arcicaccia: Fermare i criminali che uccidono gli orsi

Federcaccia & Arcicaccia: Fermare i criminali che uccidono gli orsiI Presidenti di Federcaccia e Arci Caccia hanno inviato una lettera al Presidente del Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise, dott. Antonio Carrara e all’Assessore alla Caccia della Regione Abruzzo, dott. Dino Pepe, per offrire la loro piena disponibilità a collaborare ad ogni iniziativa tesa a contrastare qualsiasi azione ai danni di un selvatico prezioso come l’Orso Bruno Marsicano.

Di seguito riportiamo il testo integrale della lettera:

Leggi tutto...

Bracconaggio: Brindisi, abbagliavano lepri per abbatterle

Corpo Forestale dello Stato - AntibracconaggioBracconaggio: Brindisi, abbagliavano le Lepri per immobilizzarle ed abbatterle; la Forestale sorprende quattro bracconieri.

Ad operare è stato il Comando provinciale del CFS di Brindisi in collaborazione con personale della Stazione di Ostuni. Sono stati predisposti, così, una serie di controlli volti a prevenire fenomeni di bracconaggio nelle zone più critiche della provincia.

Leggi tutto...

Caccia e Fauna: Umbria, Piano Regionale di controllo sanitario dei cinghiali

Cinghiale - Sus ScrofaCaccia e Fauna: Umbria, Piano Regionale di controllo sanitario dei cinghiali per la Stagione Venatoria 2014-2015.

In vista della prossima apertura della caccia al cinghiale (5 ottobre 2014) e poiché già sono in svolgimento prelievi selettivi da parte delle squadre di caccia autorizzate, il Servizio Veterinario della USL Umbria 1 comunica che anche quest’anno è in vigore il “Piano Regionale di controllo sanitario dei cinghiali e vigilanza delle altre specie selvatiche” finalizzato all’individuazione di patologie specifiche del cinghiale o che interessano anche altre specie di animali domestici o che addirittura possono essere direttamente trasmesse all’uomo (zoonosi).

Leggi tutto...

Caccia: Piemonte, limitazioni sulla caccia

Cacciatore - FagianoCaccia: Piemonte, limitazioni sulla caccia, vietati i richiami vivi, limiti per le specie a rischio e obbligo giubbotti alta-visibilità.

Conto alla rovescia: l’apertura della stagione venatoria è imminente anche in Piemonte. La Regione vuole, tra le altre cose, che i cacciatori siano riconoscibili: per la loro incolumità e per quella altrui. La decisione era stata annunciata alla fine di agosto: un giro di vite, anche se il termine in Regione non piace, per difendere nell’imminente stagione venatoria alcune specie della fauna alpina.

Leggi tutto...

Caccia: Liguria, approvato progetto legge venatoria

Cacciatore all'albaCaccia: Liguria, il Consiglio Regionale ha approvato il progetto di legge relativo alla normativa di disciplina dell’attività venatoria.

Approvata dal Consiglio Regionale la legge “salva-caccia” presentata da Francesco Bruzzone. Questa mattina, l’assemblea ligure ha dato la propria approvazione al progetto di legge, presentato dal Consigliere Regionale della Lega Nord Bruzzone, che integra il dettato della norma regionale n.29/1994 di recepimento della legge nazionale 11 febbraio n. 157 (Norme per la protezione della fauna selvatica e per il prelievo venatorio), introducendo “il principio in base al quale, in caso di mancanza o di sospensione dell’atto amministrativo con il quale viene annualmente emanato il Calendario Venatorio, la caccia prosegue senza interruzioni secondo i dettami delle leggi regionali e nazionali in materia”.

Leggi tutto...

Caccia e Fauna: Reggio Emilia, lupo aggredisce cane da caccia

Lupo - Canis LupusCaccia e Fauna: Reggio Emilia, avvistati due lupi a Salvarano di Quattro Castella, uno aggredisce cane da caccia ma le grida del cacciatore fanno desistere il selvatico.

I lupi sono calati a valle arrivando sabato mattina nella zona tra Salvarano e Bedogno di Quattro Castella, non lontano dal bar-trattoria “Da Mandarein”. Un cacciatore di Reggio Emilia, Giacomo Magnani, stava allenando in zona i suoi cani da caccia in vista dell’apertura dell’attività venatoria, domenica prossima. Proprio in questo periodo, in attesa dell’apertura, è possibile condurre i cani su fondi appositi (zone di addestramento), dove possano allenarsi e restare in forma per l’attività venatoria. Su una di queste si trovava Magnani.

Leggi tutto...

Corpo Forestale dello Stato firma accordo intesa su diritti animali con Link Italia

Corpo Forestale dello Stato firma accordo intesa su diritti animali con Link ItaliaDiritti degli Animali: Link Italia e Corpo Forestale firmano intesa per diritti degli animali.

(Adnkronos) – “Il legame tra la violenza e la crudeltà sugli animali e le devianze antropologiche” sono al centro del protocollo di intesa tra Corpo forestale dello Stato e Link-Italia. Entrambi collaboreranno per l’affermazione dei diritti degli animali, contro abusi e brutalità alla luce degli studi che provano la forte connessione tra maltrattamento animale e violenza interpersonale, comportamento deviante e condotte criminose.

Leggi tutto...

Caccia alla pernice bianca e alla lepre variabile, vietata in Piemonte.

Caccia alla pernice bianca e alla lepre variabile, vietata in Piemonte.Sulle alpi piemontesi non sono più cacciabili la pernice bianca e la lepre variabile. Provvedimento resosi necessario per tutelare due specie particolarmente vulnerabili”, spiega l’assessore regionale all’agricoltura Giorgio Ferrero.

La Giunta regionale ha deliberato oggi di vietare sull’arco alpino piemontese la caccia alla pernice bianca e alla lepre variabile. Il provvedimento, proposto dall’assessore Giorgio Ferrero, si è reso necessario per tutelare due specie a rischio di estinzione.

“Abbiamo voluto tutelare due specie particolarmente vulnerabili”, spiega Giorgio Ferrero. “La pernice bianca è considerata a rischio di estinzione su tutto l’arco alpino. Rischio aggravato dal maltempo di questa estate che ha reso ancora più critiche le condizioni di vita per questa specie. Per la lepre variabile ad oggi in Piemonte non esistono censimenti affidabili. Abbiamo perciò scelto di rendere concreta l’attenzione all’ambiente e alla tutela delle specie animali a rischio che ci compete e in cui fortemente crediamo”.

Leggi tutto...

Pagina 1 di 271

Feed RSS: Leggi le news venatorie
Banner
Banner
Banner