Tu Sei Qui: Notizie Ultime

Caccia: Liguria, possibile caccia in deroga allo Storno

Storno - Sturnus VulgarisCaccia: Liguria, la Regione incontra esponenti ISPRA per valutare la possibilità di autorizzare la caccia in deroga allo Storno.

Questa mattina il consigliere regionale Valter Ferrando (Pd), su delega del presidente della giunta Claudio Burlando, ha incontrato i vertici dell’Ispra, l’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale. Scopo dell’incontro è verificare la possibilità di dare attuazione alle deroghe alla caccia allo storno. «Questa possibilità è riconosciuta dalla normativa nazionale – spiega Ferrando –occorre, dunque, trovare il sistema di applicare tale opportunità anche a livello locale». Al vertice con i tecnici dell’Ispra partecipano anche alcuni funzionari della Regione Liguria.

( 10 settembre 2014 )



Fonte: LevanteNews

Caccia: Ravenna, dibattito sul tema “Capanni, regolamento e concessioni”

Capanno Caccia agli acquaticiCaccia: Ravenna, dibattito sul tema “Capanni, regolamento e concessioni” organizzato da Paolo Guerra, capogruppo della Lega Nord in consiglio comunale il 12 settembre 2014.

Paolo Guerra, capogruppo della Lega Nord in consiglio comunale, ha organizzato per venerdì 12 settembre alle ore 20.30 presso la Sala Buzzi in Via Berlinguer, un dibattito pubblico sui principali adempimenti a seguito della recente approvazione del Regolamento sui Capanni e sugli scenari che si aprono per prossimo Regolamento sulle concessioni.

Leggi tutto...

Caltanissetta, falsificavano bollettini licenza di caccia nel Nisseno

Polizia di Stato - VolanteCaltanissetta, falsificavano i bollettini postali relativi alle tasse di concessione governativa e dell'assicurazione obbligatoria per l’esercizio della caccia; nel Nisseno denunciate quarantaquattro persone per truffa ai danni dello Stato e falso in atto pubblico.

Quarantaquattro licenze di porto di fucile da caccia sono state revocate dalla Polizia di Stato a Niscemi, in provincia di Caltanissetta, ad altrettante persone che erano state denunciate per truffa ai danni dello Stato e falso in atto pubblico perché avrebbero falsificato i bollettini postali di pagamento delle tasse di concessione governativa e dell'assicurazione obbligatoria necessari per l'esercizio dell'attività venatoria.

Leggi tutto...

Game Fair di Vico del Gargano: prima edizione ufficialmente rimandata

Game Fair di Vico del Gargano: prima edizione ufficialmente rimandataGame Fair Italia: La decisione è stata presa a seguito dei disastri causati dalle condizioni metereologiche di quest’ultimo week end (6-7 settembre 2014).

Dopo una prima valutazione di posticipare la Manifestazione al prossimo week end, GFI S.r.l., costituita da CNCN (Comitato Nazionale Caccia e Natura), Fiera di Vicenza S.p.A. e dalla Famiglia Odescalchi, ha rinviato la prima edizione di Game Fair di Vico Del Gargano a causa dei gravissimi nubifragi che si sono abbattuti in questi ultimi giorni nel territorio garganico. La Società ha preso la decisione di rinviare ufficialmente la Fiera per cause di forza maggiore e anche nel rispetto di tutte le famiglie colpite da questo tragico evento, alle quali rivolgiamo la nostra grande solidarietà.

GFI S.r.l. rinnova e continua l'interesse nei confronti di Vico del Gargano attraverso “Game Fair” - la più grande fiera campestre del vivere la natura all'aria aperta – le cui date verranno comunicate non appena possibile -  contribuendo alla ripresa economica e all'indotto turistico del suggestivo territorio garganico.

Leggi tutto...

Caccia e Fauna: Bologna, branco di lupi fa strage di capre

Branco di Lupi - Canis LupusCaccia e Fauna: Bologna, un branco di lupi ha sbranato e un gregge di capre nella zona di Gadelle di Porretta; ventidue gli animali uccisi e in parte divorati.

Un branco di lupi l’altra notte ha sbranato ventidue capre in una azienda agricola di Gadelle, fra Capugnano e Castelluccio di Porretta. Il gregge era di proprietà dell’agricoltore Gilberto Biagi, 65 anni, la cui abitazione dista circa 200 metri dal recinto dove c’è l’ovile. “Non mi sono preoccupato dell’abbaiare dei cani, lo fanno tutte le notti e se ci facessi caso non dormirei un minuto”, afferma Biagi che all’alba di ieri si è trovato di fronte ad una strage senza precedenti per la stessa località e per altre dell’Alta Valle del Reno.


“Di lupi ne ho visti circolare parecchi negli ultimi tempi - ricorda Biagi -, mai però era accaduto un episodio come quello delle ultime ore. Nel 2010 venne sgozzata una prima capra e nel 2011 una seconda ed evidentemente in entrambe le situazioni ad agire fu un lupo solitario, ma ora ci vuol poco a capire come nell’ultimo caso abbia compiuto l’assalto un branco piuttosto numeroso”.

 

L’agricoltore allarga sconsolato le braccia e manifesta la propria preoccupazione: “Dopo le prime due uccisioni ho montato nel recinto una rete metallica elettrosaldata alta più di un metro e mezzo, mica posso costruire il muro di Berlino... Temo che i lupi facciano ritorno per ultimare il raid che mi ha creato un danno di sicuro non inferiore a 6mila euro. Ho provveduto ad avvisare la Polizia provinciale e il servizio veterinario dell’Asl per gli accertamenti di rito sull’area recintata, che è di quasi 1.500 metri quadrati”.

La vicenda di Gilberto Biagi verrà presa in esame al più presto dalla giunta dell’Unione Alto Reno, comprendente i Comuni di Porretta, Granaglione, Lizzano e Camugnano. Il suo presidente e sindaco granaglionese, Giuseppe Nanni, commenta: “Non vogliamo certo fare dell’allarmismo, siamo però di fronte a un problema che sta crescendo di dimensioni. Intendiamo farlo presente alla Provincia al fine di trovare una risoluzione poiché di lupi, in branchi o solitari, se ne stanno vedendo nell’Alto Reno e compiono svariati assalti agli ovili. Non vorremmo che si dimostrassero pericolosi e che si perpetuasse l’atteggiamento di salvaguardare maggiormente gli animali rispetto agli esseri umani”.

( 8 settembre 2014 )



Fonte: IlRestodelCarlino

Caccia: Veneto, preapertura alla Tortora ripristinata

Tortora - Streptotelia turtur Caccia: Veneto, preapertura alla Tortora ripristinata; la Giunta regionale adegua con proprio Decreto il Calendario Venatorio 2014-2015.

Con Decreto della Giunta Regionale n.131 del 3 settembre 2014 avente ad oggetto: “Stagione venatoria 2014/2015. Integrazione al calendario venatorio regionale approvato con DGR n.1074 del 24.06.2014, con riferimento al prelievo in preapertura della sola specie Tortora”, vengono introdotte alcune integrazioni al calendario venatorio 2014/2015 disponendo la riduzione del carniere massimo giornaliero per cacciatore per la specie Tortora da 10 a 5 capi e la caccia in preapertura alla medesima specie per complessive quattro giornate nei giorni 6,7,13 e 14 settembre 2014.

Leggi tutto...

Game Fair di Vico del Gargano rinviato per maltempo al 13 e 14 settembre 2014

Game Fair di Vico del Gargano rinviato per maltempo al 13 e 14 settembre 2014Rinviato il Game Fair al 13 e 14 settembre: Per il forte maltempo in Puglia, grandinata e tromba d’aria a Vico del Gargano, è stato rinviato il Game Fair al 13 e 14 settembre 2014.

“Il forte maltempo di queste ore sta colpendo anche la Puglia. Come vediamo da un frame della WebCam del Monte Ciccia, sulle Murge Baresi ci sono stati forti temporali con frequenti fulminazioni, mentre dalle foto di un appassionato pubblicate sul Forum di MeteoNetwork possiamo osservare la fitta grandinata e la tromba d’aria immortalate a Vico del Gargano, nel Foggiano.”

Leggi tutto...

Caccia: Abruzzo, Febbo, “Necessario ripristinare Calendario Venatorio 2013”

Mauro Febbo - Regione AbruzzoCaccia: Abruzzo, Febbo, “Necessario ripristinare quanto previsto dal Calendario Venatorio 2013-2014. Numerose le modifiche apportate senza motivo”.

Alla risultanza della Valutazione di Incidenza Ambientale del calendario venatorio 2014 sui SIC dell'Abruzzo pare giungano indiscutibili conferme, dato l'esito odierno del Comitato, a quanto avevamo affermato l'anno scorso a difesa dei cacciatori abruzzesi”. A dichiararlo il Presidente della Commissione di Vigilanza Regionale, Mauro Febbo, in merito al Calendario venatorio.

Leggi tutto...

Caccia: Siena, confermato il divieto di caccia alle Tolfe

Divieto di CacciaCaccia: Siena, la Provincia fa alcune precisazioni riguardo la ZRC per la Stagione Venatoria 2014-2015 e conferma il divieto di caccia alle Tolfe ed invita i cittadini al confronto.

In seguito alle notizie pubblicate sulla stampa locale e successive sollecitazioni la Provincia di Siena ritiene doveroso fare alcune precisazioni e dare corrette informazioni ai cittadini interessati. La legge nazionale 157/92 e la legge regionale 3/94 danno indicazioni precise sulle finalità per cui le Zone di ripopolamento e cattura (ZRC) possono essere istituite o modificate, in primis la riproduzione della fauna selvatica allo stato naturale e la cattura della stessa per l’immissione e l’irradiamento nel territorio esterno all’istituto. Pertanto la loro previsione di modifica, revoca o conferma nel Piano Faunistico venatorio è dettata esclusivamente – per legge - da esigenze gestionali di tipo faunistico venatorio.

Leggi tutto...

Pagina 9 di 277

Feed RSS: Leggi le news venatorie
Banner
Banner
Banner