Tu Sei Qui: Viaggi di Caccia

Caccia nella riserva di Zelendvor e il fascino della Caccia in Croazia..

Caccia nella riserva di Zelendvor e il fascino della Caccia in Croazia..A caccia in Croazia: Tanto vicina all’Italia che pare Italia essa stessa, per paesaggi, fauna e flora, la Croazia è un spesso raggiunta dagli appassionati dell’arte venatoria durante i periodi di apertura della caccia. E’ proprio in questi momenti che la ricerca di una riserva di caccia ben organizzata, meglio se immersa nel verde si fa più impellente.

La riserva di caccia - Molti cacciatori prendono in considerazione la Zelendvor, fondata nel 1870 e forse la più antica di tutto il territorio. Posizionata nella zona nord ovest della regione, si estende per un’ampia superficie di circa 8500 ettari e chi la raggiunge normalmente apprezza la caccia individuale o in gruppo alle pernici, alle quaglie, ai fagiani, ai colini della Virginia, ma anche alle beccacce, alle lepri e ai conigli selvatici.

Pare che in origine ad importare fagiani di grande qualità dalla Moravia ci pensò il Conte Marko Bombelles che inconsapevolmente diede avvio nella zona alla caccia organizzata.

D’altronde il territorio, ieri come oggi era più che ideale: pianeggiante, sabbioso e ghiaioso, con numerose aziende agricole, boschetti e terreni incolti che insieme con gli allevamenti creano l’habitat ideale per molte specie di selvaggina stanziale. 

Leggi tutto...

Caccia agli Anatidi: Marzaiole in Romania

Caccia agli Anatidi: Marzaiole in RomaniaLa caccia agli anatidi è conosciuta e praticata in tutto il mondo proprio perché la maggior parte degli uccelli appartenenti a questa famiglia sono migratori che seguono determinate rotte per spostarsi in vari stati alla ricerca di un clima ed un ambiente congeniale ove nidificare e far crescere i piccoli.

In genere gli anatidi vengono cacciati nel nostro Paese nel periodo invernale ma in altri Paesi europei la normativa locale permette di praticare la caccia alle anatre fino a tutto il mese di marzo; una specie in particolare caratterizza la caccia agli anatidi di questo periodo a cavallo tra inverno e primavera, stiamo parlando della Marzaiola (Anas Querquedula). Si tratta di un uccello acquatico appartenente all’ordine Anseriformes, famiglia Anatidae, e fa parte del gruppo delle cosiddette “anatre di superficie” poiché immergono soltanto il capo per nutrirsi anziché immergersi sott’acqua completamente. Le Marzaiole possono avere una lunghezza corporea di 37-41 cm per un peso di circa 400 grammi ed un’apertura alare di 60-63 cm. 

Leggi tutto...

Colombacci in Argentina, Coccolati dal tuo Tour Operator di Fiducia..

Colombacci in Argentina, Coccolati dal tuo Tour Operator di Fiducia..Colombacci in Argentina: La bella esperienza di tre amici alla scoperta dell’Argentina, accompagnati nel proprio viaggio dalla propria agenzia venatoria di fiducia.

Quando io e i miei due compagni di caccia abbiamo deciso di organizzare un viaggio venatorio, ancora non sapevamo con precisione dove ci avrebbe portato il vento. Luigi propendeva per la Mongolia, mentre Davide era tutto proiettato verso la Scozia per non so quale ricordo di viaggio adolescenziale. Io in verità pur di lasciare per qualche tempo il mio lavoro e il mio tran tran quotidiano sarei andato ovunque! Siamo tre cacciatori lombardi, ci siamo conosciuti sui banchi di scuola e questo viaggio, dopo 30 anni di amicizia, non ha fatto altro che saldare il rapporto: lo consiglio davvero a tutti.

E’ stato sfogliando un giornale online di settore che ci è saltata in testa l’Argentina, raccontata come la terra promessa di ogni cacciatore: ricca di vegetazione, praticamente disabitata vista la sua estensione sorprendente, dotata di una varietà di selvaggina  che lascia letteralmente a bocca aperta.

Leggi tutto...

Caccia in Italia, A Caccia tra le viti del Franciacorta

Caccia in Italia, A Caccia tra le viti del FranciacortaCaccia in Italia: L’esperienza venatoria nella Franciacorta a caccia di lepri, cinghiali e deliziose bollicine..

Dici Franciacorta e pensi al buon bere e al buon mangiare, ma in effetti in rari casi si sa con precisione dove realmente sia collocata la Franciacorta. La risposta è semplice: è una zona collinare tra Brescia e l’estremità più meridionale del Lago d’Iseo. Io l’ho scoperto solo di recente quando Vittorio mi ha proposto un viaggetto alla coperta del buon vino e della buona caccia.  Trattandosi di un’associazione infallibile come avrei potuto dire di no?

D’altronde a tutti i dettagli ha pensato lui, e ha perfino previsto la partecipazione al nostro viaggetto delle rispettive consorti e figli! Insomma un’avventura familiare che ricordo con estremo piacere. La zona ha una vocazione spumantistica davvero sorprendente e il territorio è ricco di boschi e vigneti tant’è che immagino in tanti della zona abbiamo avuto la possibilità di dar la caccia a lepri e chissà che altro dispersi fra antichi filari. Durante una degustazione ho persino scoperto il perché del nome della zona, cosa che te lo confesso, mi incuriosiva non poco.

Leggi tutto...

Caccia in Brughiera. Beccacce, Conigli e Fagiani a due passi da Varese..

Caccia alla beccaccia. Volo di una beccaccia in migrazione in brugheriaCaccia in Italia: Rivivere il fascino della Brughiera nebbiosa nelle sei aziende venatorie che ancora sopravvivono nella provincia di Varese. Le zone di caccia diminuiscono giorno dopo giorno, e i cacciatori, quelli veri e appassionati diminuiscono con gli appezzamenti di terra a loro dedicati.

Ciò non toglie che esistano dei lembi di territorio dove la caccia sopravviva, che richiamano durante i periodi in cui l’attività venatoria è aperta, appassionati con la voglia di rivivere l’emozione che la sfida contro la natura è capace di regalare. Nella provincia di Varese di aziende faunistiche venatorie ancora in attività ce ne sono ben sei, frequentate da tutto il dintorno milanese, nelle quali ancora vige l’antica etica della caccia e all’interno delle quali si respira uno spirito familiare, di incontro e di conoscenza.

Il cacciatore che abbandona la città durante il fine settimana per assaporare un briciolo di natura e di brughiera non necessariamente torna a casa con un carniere sorprendente, ma ricco di un’esperienza che difficilmente si dimentica. Non si spiegherebbe diversamente perché molti clienti di queste belle riserve venatorie le frequentino da più di 15 anni.

Leggi tutto...

Caccia agli Acquatici, Antica Tradizione di Caccia Italiana

Cacciatore a caccia di anatre selvatiche che utilizza un richiamo per germani realiCaccia alle anatre: Uno dei tipi di caccia che può dirsi comune a tutto il territorio italiano è la caccia agli acquatici che di certo è anche una delle forme di caccia più complete e variegate.

Questo tipo di caccia si pratica in territori umidi caratterizzati dalla presenza di stagni, laghi, paludi, lagune marine, mete preferite per volatili come anatre e trampolieri che frequentano l’intera penisola. Nella caccia agli acquatici le prede cacciabili appartengono sostanzialmente all’avifauna migratoria che giunge sul territorio italiano nel periodo autunnale; solitamente si parla di Alzavole, Canapiglie, Codoni, Fischioni, Germani, Mestoloni, Morette e Moriglioni, uccelli acquatici accomunati dalle stesse abitudini come la frequentazione di zone umide, di grandi distese d’acqua ove poter sostare per la maggior parte del giorno per poi spostarsi in paludi e acquitrini alla ricerca di nutrimento.

Leggi tutto...

Caccia in Italia alla Beccaccia, la “Regina” di Romagna..

Caccia in Italia alla Beccaccia, la “Regina” di Romagna..Caccia alla Beccaccia: Comunemente conosciuta come la “regina dei boschi” o la “dama dal becco lungo” la beccaccia è da sempre tra le "Donne" più desiderate dai Cacciatori italiani e esteri.

Stiamo palando della beccaccia, uccello migratorio del genere Scolopax rusticola, che nidifica nelle regioni del Nord Europa per poi migrare nelle zone mediterranee tra ottobre e novembre. Il passo della beccaccia si compie proprio durante la stagione venatoria, trasformando gli esemplari in volo nelle prede più ambite dagli appassionati di caccia alla migratoria.

Chi pratica esclusivamente la caccia alla beccaccia, ama definirsi un beccacciaio, perché questa tipologia di attività venatoria è altamente specialistica e mirata. La beccaccia, infatti, è un selvatico molto difficile da  gestire, perché molto abile nel mimetizzarsi tra il fitto fogliame delle foreste. Silenziosa e solitaria abitante dei boschi, questa preda si ritrova facilmente tra gli arbusti delle Alpi e degli Appennini.

Leggi tutto...

Caccia in Ogliastra: A caccia tra mirto, lentischio e granito

Caccia in Ogliastra: A caccia tra mirto, lentischio e granitoLa caccia è un’ottima occasione per scoprire la Sardegna nascosta, ricca com’è di vegetazione e di selvaggina: l’Ogliastra soprattutto è una meta ambita e gustosa che regala tante emozioni perché non solo incontaminata, ma anche naturale, sincera e selvaggia.

Per chi conosce già la Sardegna e la provincia dell’Ogliastra dici Ulassai e già il cuore e la mente si predispongono al sogno, ma per tutti quelli che ancora non conoscono l’Isola, Ulassai e la provincia ogliastrina le si può spiegare in due parole: primordiali e selvaggie, e alle cose primordiali e selvagge ci si avvicina sempre con curiosità e con estremo rispetto.

E’ quello che fanno i tanti amanti della caccia che ogni anno raggiungono l’agriturismo nonché azienda faunistico venatoria Taccurrulu.

Leggi tutto...

Pagina 2 di 10

Feed RSS: Leggi le news venatorie
Banner
Banner
Banner