Tu Sei Qui: Viaggi di Caccia

Caccia ai Beccaccini in Romania

Caccia ai Beccaccini in RomaniaIn Romania esistono delle risaie a perdita d’occhio, qui se si trova il periodo giusto si possono realizzare importanti carnieri di beccaccini ai quali si aggiunge spesso anche qualche becco piatto.

Testo e foto di Saverio Patrizi

Il beccaccino mi ha sempre affascinato, fin dai primi anni di licenza ero attratto della saetta alata, allora con gli amici battevo le zone costiere del viterbese, di ATC ancora non si parlava, Tarquinia, Pian di Spille e la foce del Mignone o l’alveo della valle del Baccano, spingendomi fino ai confini dell’allora oasi di Martignano. Per queste cacce la partenza avveniva in piena notte, spesso direttamente dalle discoteche romane o da feste private, specialmente nel periodo dell’apertura il risultato era assicurato, non molti ma qualche becco lungo ricompensava sempre le nostre uscite. Ricordo, una volta, battemmo prima la zona del poligono di Pian di Spille, poi, non soddisfatti, ci recammo vicino Tarquinia, in una zona dove erano stare costruite delle fondamenta i cui palazzi non erano mai stati portati avanti, questo aveva generato delle “piscine” molto amate dai beccaccini.

Leggi tutto...

Dorgali: a caccia di cinghiali..

Dorgali: a caccia di cinghiali..

Caccia al Cinghiale: A spasso in Sardegna a dare la caccia a quaglie, pernici e cinghiali ospiti di un agriturismo immerso in scenari sinceri e selvatici, gustosi proprio come le giornate che vi si potranno trascorrere.

Anche se la caccia non fosse consentita, l’agriturismo Su Nuraghe, meriterebbe d’essere visitato per la location spettacolare nella quale è inserito, ma già che si tratta di un agriturismo ma anche un’azienda venatoria, è in grado di attirare gli amanti della natura e della buona caccia. Ampia quasi 1200 Ha, l’azienda venatoria e agro zootecnico pastorale fa parte di una più ampia Società Cooperativa Agricola cui fanno capo ben 50 soci che principalmente si occupano dell’allevamento ovino e caprino. L’ambiente bucolico, selvaggio e sincero è di quelli piuttosto invitanti, e ciascuna stagione è in grado di offrire attrazioni differenti, profumi e gusti che non si dimenticano.

Leggi tutto...

A Caccia in Toscana ospiti al Castello di Casole

A Caccia in Toscana ospiti al Castello di Casole

Caccia in Toscana. Un’esperienza venatoria e rilassante allo stesso tempo, da vivere ospiti della più bella, elegante e verdeggiante Toscana.

Delle volte se ne ha proprio bisogno: di mollare tutto intendo e partire. Dove non è importante… o forse si? Oggi parliamo di una bella ed elegante riserva di caccia tutta toscana, immersa nel verde e pure nella storia, che non guasta mai.  Castello di Casole è infatti una tenuta antica e di recente restaurata che da qualche anno mette a disposizione dei clienti non solo intrattenimenti a cinque stelle, ma anche una bella riserva di caccia che sfrutta tutto il potenziale della terra toscana. Non è un caso che sia risultata la migliore fra 60 riserve esaminate nella provincia di Siena: tutto merito della vegetazione rigogliosa e della fauna sana e numerosa: la riserva è diventata a tutti gli effetti un modello da seguire.

Appena raggiunto il Castello di Casole e conosciuto il guardiacaccia e il suo staff instancabile si comprende subito il perché di tanti elogi: la cura per la natura e per gli animali sono al primo posto e le battute stagionali che si organizzano all’interno della tenuta sono rispettose di regole rigide che avvantaggiano nel lungo termine cacciatori, vegetazione e animali.

Leggi tutto...

Caccia all'Estero: In Serbia con il fucile in spalla..

Caccia all Estero: In Serbia con il fucile in spalla..

Viaggi di Caccia: Tutto il fascino del viaggio venatorio e di una meta che conserva boschi incontaminati e colline profumate che riportano indietro negli anni. A tutelare questo paradiso in terra ci pensano regole ferree che ciascun cacciatore è bene rispetti.

Ben nota per le sue riserve di caccia, particolarmente famose in tutta Europa, le risorse naturali che la Serbia mette a disposizione dei suoi abitanti e visitatori sono tali che molte specie di selvaggina si trovano a casa, proliferano e fanno della regione un vero e proprio paradiso per i cacciatori. Le zone di caccia d’altronde sono piuttosto estese e dal nord al sud della Serbia, fino alla favolosa pianura di Vojvodina la natura è impervia e florida: niente di meglio per i selvatici che la abitano.

La regione della Vojvodina soprattutto è particolarmente apprezzata oggi come ieri: ben nota ai romani che ne avevano fatto riserva di caccia, la zona non era passata inosservata nemmeno all’aristocrazia serba, austriaca e ungherese e leggenda vuole che la Vojvodina è stata in grado di attirare l’interesse di Suleiman I il grande che prima di attaccare Vienna decise di dedicarsi ad una bella giornata di caccia.

Leggi tutto...

Caccia alle Starne: Sono andato a caccia in Ungheria!

Caccia alle Starne: Sono andato a caccia in Ungheria!

Caccia alla starna: "Sono andato a caccia in Ungheria" - L’esperienza di caccia alle starne in Ungheria: la bellezza di un territorio e la ricchezza faunistica nel ricordo di un cacciatore veterano.

Non credevo che lo avrei mai detto e scritto, eppure l’anno scorso mi sono convinto: avevo proprio bisogno di scappare dall’Italia, da tutti i suoi regolamenti, da tutti i suoi problemi e da tutti i suoi controsensi. La vita del cacciatore, da qualche anno a questa parte, è diventata praticamente insostenibile, costosa e mal vista, ma io non mollo.  Giovanni mio cugino e mio carissimo amico, che la vede come me è stato il primo a mettermi la pulce nell’orecchio: “Ma se ce ne partissimo per un viaggetto venatorio io, te e Marco?”.

La mia risposta iniziale è stata un secco “No!”. Non avevo né voglia né tempo di pensare a tutti quelli che ritenevo sarebbero stati gli inconvenienti dello spostarsi con armi e animali, ma dopo le soluzioni proposte da Giovanni ho iniziato a pensarci più seriamente.

La spinta finale me l’ha data la pubblicazione del calendario e regolamento venatorio di quell’anno con nuove e sempre più pesanti limitazioni. Avevo proprio bisogno di una boccata d’aria fresca, seppure a pagamento.

Leggi tutto...

Caccia in Lazio..Weekend di caccia a Frosinone

Caccia in Lazio..Weekend di caccia a FrosinoneCaccia in Italia: Fra starne, beccacce e lepri il weekend di caccia volerà via e di rientro a casa della vacanza si ricorderà la location primordiale e la sagacia del pollo colorato, snobbato a lungo ma inselvatichitosi e dannatamente sagace.

Il Lazio è bello, sconfinato e in alcuni suoi aspetti primordiale; è facile però dimenticarselo perché dici Lazio e pensi alle sue grandi città. E’ dunque con sorpresa che si scovano angoli di verde e di sconfinato simili a quelli che è possibile gustarsi nei dintorni di Frosinone. Ben apprezzati da numerosi cacciatori e turisti, questi paesaggi malinconici e misteriosi sono lo scenario che l’azienda venatoria Viti Fauna ha scelto di offrire ai propri visitatori.

Posizionata nel cuore delle alture laziali, l’azienda dista pochi chilometri dal caratteristico paesino di Viticuso, nei margini estremi del Lazio e già questo incuriosisce e invoglia a raggiungerla. Chi raccoglie l’istinto e sceglie di trascorrere un weekend venatorio ospite della struttura potrà gustarsi un Lazio sconosciuto, e il tutto il fascino del preappennino.

Leggi tutto...

Caccia in Toscana: A fagiani, pernici rosse, germani reali e lepri presso la tenuta La Cerbana

Caccia in Toscana: A fagiani, pernici rosse, germani reali e lepri presso la tenuta La Cerbana

Caccia in Toscana: Oggi parliamo di vacanze venatorie fuori porta, vicine a casa ma che pur sempre consentono di rompere la routine di tutti i giorni e vivere la natura con maggiore enfasi.

E’ come spesso accade la Toscana a farla da padrone, vuoi per la sensibilità che nei confronti della natura possiede questa regione, vuoi per le bellissime campagne che è stata in grado di tutelare. L’azienda venatoria di cui raccontiamo oggi è la tenuta La Cerbana,  immersa nel verde, ben nascosta lungo la strada provinciale che conduce da Pontedera, nei pressi di Pisa, verso San Giminiano, che si raggiunge attraversando favolose colline tutte da fotografare. L’azienda ben nota nella zona dispone di più di 600 ettari di terreno coltivati a grano, a girasoli, ma in parte dedicati al pascolo: lo spettacolo che si propone immediatamente alla vista di chi raggiunge la struttura è più che gradito, tanto più che al centro di questi ettari di terreno ben coltivati si nasconde una bella e vecchia casa patronale, attorniata da più moderni edifici.

Leggi tutto...

Caccia in Catalunya: a caccia di anatre in botte

Caccia in Catalunya: a caccia di anatre in botte

Caccia alle Anatre: Un’avventura spagnola tutta da vivere, a pochi passi dall’Italia eppure immersi in un’atmosfera ancestrale e selvatica nella quale habitat selvatici agli estremi si mescolano e si fondono con arte. Anatre, pernici, cinghiali e conigli selvatici saranno i sovrani di una natura che in Catalunya impera.


Oggi seppure virtualmente abbandoniamo l’Italia per volare alla volta della favolosa Catalunya, nei pressi del delta del fiume Ebro, e nei dintorni di un favoloso parco naturale  abbracciato da una flora serpeggiante e dal mare. Meta turistico venatoria che ogni anno richiama moltissimi cacciatori, il Coto de Caza La Alfacada, confina con il Mar Mediterraneo, con il fiume Ebro e con ettari di terra tutti coltivati a grano per un’estensione totale di 267 chilometri.

Sono queste situazioni naturalistiche ad aver creato un habitat naturale per la vita di numerosi uccelli acquatici che abitano i dintorni della bellissima Isla de Buda, divisa fra risaie, laghi e acquitrini: non di rado viene descritta come location fra le più belle al mondo, seconda solo al delta dell’Okawango, nella più lontana Botswana.

Leggi tutto...

Pagina 2 di 10

Feed RSS: Leggi le news venatorie
Banner
Banner
Banner