sabato, 25 ottobre 2014

Caccia: Ultimo Aggiornamento12:58:54 PM GMT

RSS
Tu Sei Qui: Viaggi di Caccia

Caccia in Italia: le sorprese del Gargano

Caccia in Italia: le sorprese del GarganoCaccia nel Gargano: Scegliere il Gargano per le proprie giornate di caccia equivale ad immergersi in meraviglioso territorio, fatto di natura selvaggia e fresca e numerose specie animali, che metteranno a dura prova le capacità dei cacciatori più esperti. Un’esperienza da vivere.

Di tenute di caccia meravigliose e ricche il mondo ne è pieno, eppure l’Italia e le sue miracolose regioni, mantengono una varietà sorprendente, che definisce i cacciatori italiani fra i più fortunati del mondo.

Microclimi che convivono in uno stesso territorio, habitat naturali simili eppure ricchi di differenziazione, situazioni costiere, collinari e montane, danno ospitalità a numerose specie di volatili e di selvatici differenti. E’ questo ad esempio il caso del Gargano, eccellente regione italiana, specie se si parla di attività venatoria e di meraviglie naturalistiche.

Leggi tutto...

Caccia agli acquatici nelle valli di Comacchio

Caccia agli acquatici nelle valli di ComacchioLa caccia nelle valli del Comacchio è un’esperienza sempre nuova, che offre al cacciatore la possibilità d’imparare ogni giorno qualcosa di diverso dalla natura che avvantaggia e ostacola, secondo i propri capricci, l’arte venatoria, rendendola sempre eccitante ed emozionante.

Cacciare nelle misteriose valli del Comacchio è per davvero pratica d’altri tempi. Ad ancorare l’attività venatoria al passato sono le tecniche di caccia e soprattutto le tradizioni venatorie, che si dimostrano grosso modo invariate da circa tre secoli.

Ecco perché un’esperienza di caccia agli acquatici delle valli del Comacchio è un’esperienza che qualunque cacciatore, amante insieme dell’attività venatoria e  della natura dovrebbe provare.

Leggi tutto...

Caccia al Tordo in Andalucia

Caccia al Tordo in AndaluciaE’ tanto stimolante la caccia al tordo, che non sono pochi i cacciatori desiderosi di organizzare un bel viaggio venatorio alla volta dell’Andalucia e della Spagna. Divertimento, stimoli venatori, relax e paesaggi da favola sono assicurati.

Terra romantica l’Andalucia, è famosa non solo per la sua cultura e la sua gastronomia, per i suoi paesaggi e per gli intimi scorci di paradiso che si possono assaporare, ma anche e soprattutto per le meravigliose riserve di caccia che ogni anno accolgono amanti dell’arte venatoria provenienti da ogni angolo del mondo.
E’ nei territori de La Mancha che trova ospitalità una bella organizzazione venatoria che ha scelto come patria una delle zone più tipiche e suggestive dell’entroterra iberico, ricca di tordi e di molte altre specie amate da più di un cacciatore.

Leggi tutto...

Caccia alle Anatre nelle paludi di Fucecchio

Caccia alle Anatre nelle paludi di FucecchioFucecchio: La scomparsa delle Paludi sul territorio italiano ha messo a dura prova la resistenza della caccia agli uccelli acquatici, che pur prosegue in alcune zone particolarmente fortunate: la Palude di Fucecchio è una di queste, raggiunta ogni anno da milioni di amanti dell’arte venatoria.

Siamo a cavallo fra la provincia di Firenze e quella di Pistoia, in un’ampia zona umida e fertile che si estende per 1800 ettari, siamo all’interno del territorio facente parte della palude di Fucecchio e ci lasciamo trasportare indietro nel tempo. Famosa per i meravigliosi paesaggi che regala a chi la visita, ma soprattutto per il fatto d’essere una delle ultime vere paludi presenti nel centro Italia, Fucecchio è conosciuta anche per la possibilità che offre di esercitare ancora oggi, quella tradizionale caccia agli acquatici, che grosso modo è scomparsa ovunque, a causa delle bonifiche o dei divieti di caccia imposti.

Leggi tutto...

Perle di Macedonia

Perle di MacedoniaContinua la scoperta della Macedonia firmata Diana, in questo nuovo articolo ci occuperemo della zona meridonale del Paese.

In questa parte è ben presente l’agenzia Adica caccia che ha preso in concessione enormi appezzamenti. Alla parte montana vicino al confine albanese, si affianca quella mediterranea che si estende fino la confine con la Bulgaria. Cambiando zona lo spettro dei selvatici si allarga e comprende tortore, colombacci e beccaccini. 240.000 ettari per soddisfare tutte le esigenze. I terreni presi in gestione da Adica sono davvero enormi: ben 240000 ettari, che comprendono zone assai diverse le une dalle altre.

Leggi tutto...

Caccia alle marzaiole in Montenegro

Caccia alle marzaiole in MontenegroSelvatico migratore furbo e diffidente, la marzaiola proprio per questo è la passione di molti cacciatori che amano la sfida e le battute impegnative. Piccolo paradiso per questo genere di caccia è il Montenegro, ricco di spiagge, saline e suggestivi boschi che immergeranno a capofitto in una natura selvaggia e da scoprire.

E’ una creatura affascinante la marzaiola, il cui nome scientifico, anas querquedula, risulta ben meno familiare di quanto ci si aspetterebbe.

Leggi tutto...

STARNE IN ROMANIA

STARNE IN ROMANIAUna bella caccia alle starne resta ancora ai vertici delle preferenze dei veri cinofili. A un patto, anzi due: che le starne siano di quelle buone, anzi ottime (leggasi “vere”, ossia selvatiche dalla prima all’ultima), e che i luoghi siano meravigliosi.

Un paesaggio agreste dove il tempo sembra essersi fermato a cento anni fa.
Per luoghi meravigliosi non intendiamo provvisti «solo» del requisito fondamentale, ossia che le starne ci siano in abbondanza e che esse siano tutte e rigorosamente autoctone, ma che assomiglino un po’ ai luoghi mitici che tutti noi abbiamo in testa quando parliamo di starne: dolci pendii che si perdono a vista d’occhio, spianate e risalite coperte di stoppie e grani tagliati, vigne abbandonate (e non), incolti, orti, corsi d’acqua.

Leggi tutto...

Magica Val di Rhemes

Camoscio in Val di RhemesLa magia della Val d’Aosta, ove osano aquile, gipeti, camosci e stambecchi. Tutto il fascino della montagna racchiuso in questa valle al confine con il Parco del Gran Paradiso

Era metà settembre quando mi chiamò l’amico Luigi per chiedermi se mi avesse fatto piacere cacciare il camoscio nella sua riserva in Val d’Aosta. Chiaramente ho accolto con entusiasmo l‘invito perciò ci accordammo per il fine settimana del 21 e 22 novembre, periodo di massima attività amorosa del camoscio. La sera del 20 novembre arrivo a Rhemes Notre Dame, e precisamente nella piccola frazione del Pellaud; qui mi aspettano il mio ospite Luigi, con il figlio Leone, torinesi doc, concessionario della splendida riserva ove mi accingo a cacciare. Al mio arrivo avevano già provveduto ad accendere, oltre al riscaldamento, anche camino e stufa a legna.

Leggi tutto...

Pagina 6 di 9

Feed RSS: Leggi le news venatorie
Banner
Banner
Banner