Parco Alto Milanese, animalisti danneggiano e insultano i cacciatori durante la cattura delle lepri

Le operazioni erano autorizzate dalla Regione Lombardia e sono state sospese per far intervenire i Carabinieri.

0
Cattura delle lepri

Cattura delle lepriL’ennesima aggressione in piena regola. Mentre era in corso la cattura delle lepri nel Parco Alto Milanese (tra Milano, Varese e Legnano), alcuni attivisti del movimento animalista META hanno devastato attrezzi e materiali appartenuti alle persone presenti, senza far mancare il classico insulto pesante ai cacciatori. L’operazione era appena cominciata e serviva a tutelare le coltivazioni della zona, trasferendo i vari animali in altre aree, più idonee alle loro esigenze.

Gli animalisti erano appostati dalla mattina presto e hanno deciso di interrompere tutto, nonostante l’attività fosse lecita e autorizzata dalla Regione Lombardia. A capeggiare il gruppo di attivisti c’era Valerio Vassallo, noto alle cronache per diversi episodi del genere e anche per una vita privata non proprio limpida. Secondo Vassallo le leggi settoriali non sarebbero state rispettate col mancato coinvolgimento dell’ISPRA.

Inoltre, il META ha contestato la non idoneità del furetto per stanare le lepri. La cattura è stata sospesa e i cacciatori hanno respinto al mittente ogni accusa. In poche parole non c’era nulla di irregolare e i Carabinieri sono intervenuti proprio in seguito all’aggressione. Come sottolineato dagli stessi cacciatori, l’intenzione era quella di intervenire ma poi non è stato fatto nulla per evitare la perdita della licenza di caccia.

4.88/5 (17)

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here