Coldiretti: “Cinghiali e lupi sono raddoppiati negli ultimi 10 anni in Puglia”

Il presidente regionale Gianni Cantele ha commentato la proposta di legge sui danni provocati dalla fauna selvatica e tutela dell'incolumità dell'ordine economico.

0
Cinghiali e lupi

Cinghiali e lupiGianni Cantele, presidente della sezione regionale della Puglia della Coldiretti, ha commentato la proposta di legge sui danni provocati dalla fauna selvatica, tutela dell’incolumità dell’ordine economico che è stata discussa presso la Seconda Commissione Consiliare Permanente. Il numero uno dell’associazione agricola ha ricordato il pressing esercitato per ottenere soluzioni adeguate all’emergenza, anche se i numeri sono purtroppo inquietanti.

In effetti, nel giro di dieci anni i cinghiali e i lupi sono addirittura raddoppiati, un rischio grave per le produzioni agroalimentari e l’assetto idrogeologico del territorio. Coldiretti Puglia ha quindi auspicato un efficace controllo faunistico in caso di fallimento delle misure di prevenzione: Cantele ha chiesto attività di contenimento numerico, ma anche l’allontanamento e il monitoraggio della fauna stessa. La proposta di legge non è altro che un incentivo a tutte le strategie venatorie per ottenere una presenza delle specie compatibili con le esigenze ambientali, sociali ed economiche.

Inoltre, non devono essere messi in secondo piano le misurazioni biometriche su capi abbattuti e la formazione dei soggetti abilitati al prelievo. Oltre ai cinghiali e ai lupi, occorre prestare attenzione agli storni (pericolosi per la produzione di olive), alle lepri (capaci di divorare interi campi di ortaggi) e ai cormorani (dannosi per gli impianti di acquacoltura).

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here