I 5 Stelle presentano una legge per prevedere l’arresto in caso di abbattimenti di fringuelli e storni

Ne ha parlato la CCT: fra le proposte del ddl vi è anche l’abrogazione dell’art. 842 del codice civile.

0
Fringuelli e storni

Fringuelli e storniÈ stato recentemente presentato al Senato, a firma di 40 senatori del M5S, un disegno di legge – DDL 1078 – che propone modifiche al codice penale, al codice civile e a leggi e disposizioni in materia di tutela degli animali. Il DDL è stato assegnato alla Commissione Giustizia del Senato in data 9 maggio 2019. Poichè tale dispositivo, oltre a prevedere un pesantissimo inasprimento delle pene, amplia significativamente le circostanze e i casi nei quali si può incorrere nella sanzione, la Confederazione Cacciatori Toscani ha programmato incontri con i parlamentari e le forze politiche al fine di segnalare le assurdità ed i rischi del dispositivo.

Preme inoltre evidenziare che le materie di questo DDL non riguardano soltanto l’attività venatoria, ma anche la pesca, l’allevamento, le manifestazioni storiche e culturali e financo le specie vegetali. Alcuni significativi esempi:

– l’abbattimento di un fringuello (o di uno storno, qualora non fosse concessa la deroga) che attualmente prevede “l’ammenda fino a 1.549 euro” verrebbe sanzionato con “l’arresto da sei mesi a un anno e l’ammenda da 3.000 a 6.000 euro”;
– l’utilizzo di tecniche non configurabili come sistemi di pesca sportiva o di reti le cui maglie sono fuori misura che attualmente prevede “la sanzione da 1.000 a 6.000 euro” verrebbe sanzionato con “l’arresto da sei mesi a tre anni e l’ammenda da 2.000 a 12.000 euro”;
– viene inserito un nuovo articolo del codice penale, il 544 septies, secondo il quale “chiunque preleva o detiene esemplari di una specie vegetale protetta” (per esempio una genziana o un cardo) “ è punito con la reclusione da uno a quattro anni e con la multa da 5.000 a 50.000 euro” (sic!)

Ovviamente fra le proposte del ddl vi è anche l’abrogazione dell’art. 842 del codice civile. Diamo allora notizia che ieri sera 18 luglio, nell’ambito della festa dell’Unità che si svolge a Carrara, la Confederazione Cacciatori Toscani, rappresentata da Fabrizio Basteri, presidente provinciale Federcaccia e da Alberto Ratti, vicepresidente regionale ARCT, ha incontrato l’on. Andrea Orlando, vicesegretario nazionale del PD. I rappresentanti della CCT hanno illustrato i contenuti – invero insensati – del disegno di legge in questione. L’on. Orlando ha osservato che un ddl che ha questi contenuti non ha concrete possibilità di essere approvato e che comunque l’impegno suo sarà quello di segnalarne le incongruità nelle sedi preposte.

3.94/5 (49)

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here