Sancita la partnership tra il Comitato Direttiva 477 e Assoarmieri

All'HIT Show si è deciso di ufficializzare la collaborazione dopo aver individuato punti in comune e la necessità di intervenire sulla normativa delle armi.

0

Comitato Direttiva 477L’HIT Show di Vicenza che è appena terminato è stato anche l’occasione per sancire nuove alleanze, nella speranza che possano essere proficue e durature. In particolare, nel corso dell’assemblea di Assoarmieri di due giorni fa, domenica 14 febbraio 2016, la dirigenza dell’associazione e i rappresentanti del Comitato Direttiva 477 si sono incontrati per un interessante confronto sui programmi di lavoro, cercando di capire quali sono i problemi più urgenti da risolvere. Nello specifico, si è fatto riferimento soprattutto agli scenari inquietanti che si stanno prospettando in seguito alla proposta della Commissione Europea di revisionare la normativa comunitaria sulle armi.

La riunione è stato un momento perfetto per scoprire che le preoccupazioni e gli obiettivi del comitato e dell’associazione sono caratterizzati da una sostanziale identità, in primis se si guarda alle prospettive delle armerie e dei loro clienti, cioè i tiratori, i cacciatori e i collezionisti. Il fine ultimo del loro operato è quello di permettere di continuare a praticare gli sport del tiro a volo e dell’attività venatoria, senza dimenticare il mantenimento delle collezioni.

Di conseguenza, si punta a tutelare gli operatori economici e a far raggiungere la prosperità ai loro negozi. Non ci sono state esitazioni, dunque, quando si è deciso di rendere ufficiale un rapporto di partnership e di collaborazione attiva tra Assoarmieri e il Comitato Direttiva 477. Che cosa significa questa alleanza? Gli attori si impegneranno a realizzare delle sinergie dal punto di vista della comunicazione e della operatività, in modo da consolidare l’azione comune di difesa dei diritti e degli interessi legittimi delle armerie e di chi è in possesso e utilizza le armi civili, sportive e da caccia.

Come si legge nel comunicato del Comitato, i titolari delle armerie, i tiratori, i collezionisti e i cacciatori hanno in comune l’importante condizione di essere stati certificati dalle istituzioni come cittadini e contribuenti irreprensibili, in pratica dei cittadini di serie A. Il lavoro congiunto servirà a rivendicare il requisito appena ricordato in ogni circostanza utile, sfruttando tutte le energie e tutti gli strumenti legali a disposizione.

Il Comitato Direttiva 477 ha voluto anche ringraziare il numero uno di Conarmi (Consorzio Armaioli Italiani), Pierangelo Pedersoli, per la sottolineatura del fatto che tra i produttori del nostro paese non esiste alcun pregiudizio per le cosiddette B7, le quali sono oggetto dell’accanimento ideologico di Bruxelles. Pedersoli ha rimarcato come sia fondamentale coordinare le azioni e gli sforzi delle associazioni di categoria nella prospettiva di tutelare interessi legittimi.

Non è presente ancora nessuna valutazione.

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here