Ungulati, a Viterbo una giornata di studio dell’Ente Produttori Selvaggina

A partire dalle 9 si parlerà degli istituti a gestione privata con docenti universitari, esperti e tecnici faunistico venatori.

0
EPS - Ente Produttori Selvaggina - Associazione Venatoria

UngulatiLa giornata di sabato 9 aprile 2016 è stata scelta dall’Ente Produttori di Selvaggina per organizzare una importante giornata di studio a Viterbo. L’associazione ha fissato l’incontro presso il polo culturale di Valle Faul della città laziale: a partire dalle 9 si parlerà del ruolo della caccia degli istituti a gestione privata, argomento sempre attuale e in grado di attirare un buon pubblico. Nello specifico, il titolo completo del dibattito fa riferimento alle risorse e alle opportunità per l’ambiente e per il territorio. Quali saranno gli argomenti da approfondire e gli esperti che interverranno nel corso della giornata? La prima relazione è prevista per le 10:30 e riguarderà l’equilibrio tra la fauna selvatica, l’ambiente e il territorio nell’ambito della gestione degli istituti faunistici: il relatore sarà il dottor Piero Genovesi, responsabile del servizio di consulenza in materia faunistica dell’ISPRA (Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale).

La giornata di studio proseguirà alle 11 con Andrea Amici, professore dell’Università degli Studi della Tuscia: il docente si occuperà degli istituti a gestione privata della caccia per quel che concerne il nuovo piano faunistico venatorio della provincia viterbese. Alle 11:30 toccherà invece a Marco Franco Franolich, direttore tecnico dell’Ente Produttori di Selvaggina: il suo discorso verterà sulla moderna gestione faunistica e venatoria degli istituti a gestione privata della caccia.

Il programma è davvero molto ricco e prosegue con Danilo Procacci, concessionario dell’Azienda Faunistico Venatoria di Nepi, incaricato di parlare di come viene gestita la piccola selvaggina stanziale nelle aziende della provincia di Viterbo. Non mancheranno riferimenti agli ungulati: il biologo Antonio Francucci, esperto di gestione venatoria, parlerà infatti della gestione degli animali selvatici nelle AFV di tutta la provincia laziale, con una focalizzazione mirata sulla caccia di selezione al cervo e al capriolo. Alle 12:20 e alle 12:35 sono stati programmati gli ultimi due interventi della giornata di studio.

Il primo sarà quello dell’agronomo Bruno Tallarico (Azienda Faunistico Venatoria di Castel di Salce), il quale discuterà della gestione degli ungulati selvatici nella provincia di Viterbo, affrontando soprattutto le questioni relative al cinghiale. Il secondo sarà quello dei rappresentanti delle varie aziende delle province del Lazio e dei tecnici faunistici: si tratta di interventi programmati e che verranno specificati meglio nei prossimi giorni. Tutti questi argomenti sono attuali come non mai, degli ungulati si discute praticamente in ogni regione d’Italia e i dibattiti di Viterbo potranno fornire senza dubbio un contributo non indifferente per trovare soluzioni condivise e utili nel lungo termine.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here