Benelli: la cura delle superfici con il trattamento Be.S.T.

Benelli BE.S.T. (Benelli Surface Treatment) | La ricerca del particolare è una costante presso la Benelli e il risultato deve apparire sui diversi elementi che compongono un fucile quindi anche le superfici metalliche delle canne devono essere inattaccabili dagli aggressivi esterni

0
Benelli Raffaello Be Diamond
Il nuovissimo semiautomatico Benelli Raffaello Be Diamond
Benelli Raffaello Be Diamond
Il semiautomatico Benelli Raffaello Be Diamond con trattamento Be.S.T.

Molto opportunamente la Benelli torna in questi periodi a sottoporre alla clientela una realtà tecnica di assoluto valore: il trattamento Be.S.T. (Benelli Surface Treatement) per le canne dei propri fucili. Il processo ha richiesto un impegno di notevole spessore quanto a tempo, ricerca e investimenti, investimenti non solo rivolti a specifici materiali e macchinari, ma ugualmente alla formazione di personale ingegneristico nel settore.

La considerazione primaria verte sulla reazione dell’acciaio di una canna alle aggressioni, soprattutto corrosive di ambienti molto umidi, in particolare alla nebbia salina, probabilmente il peggior nemico della struttura chimica del ferro carbonio, ma ugualmente agli urti e alle abrasioni meccaniche. Oggi si caccia in situazioni limite e un fucile resistente anche a questi ambienti si rivela un insostituibile compagno della propria passione.

La struttura del diamante rappresenta quanto di meglio offra la Natura in fatto di durezza: qui proviamo a dare alcuni cenni che per gli addetti ai lavori saranno illuminanti, per altri saranno forse un poco astrusi, ma rimane la convinzione che stimolare la curiosità inviti alla conoscenza. Ecco dunque il processo che si avvale di una tecnologia ibrida, di assoluta innovazione, di recente messa a punto: serve a indurre un rivestimento della canna con caratteristiche simili al diamante per massima durezza, estetica di alta classe, resistenza agli elementi corrosivi, senza necessità di oliature. Non si è dimenticata l’ecologia e il processo di deposizione dello strato protettivo non produce emissioni reflue: viene condotto nello stabilimento di Urbino, con macchinario ideato su specifiche Benelli e realizzato in Italia. Qui inizia la parte tecnica: il lavoro principia da sorgenti ioniche allo stato solido e di ultima generazione cui segue la deposizione di strati compatti dove sono assenti i difetti puntiformi, probabili inizi di corrosioni, così come si verifica impiegando differenti tecnologie. Si passa a una sorgente di plasma che utilizza la radiofrequenza dissociando i precursori gassosi introdotti nella volumetria a lavoro, dando così inizio alla loro deposizione. Il processo assunto da Benelli funziona con un precursore liquido, coperto da brevetto, che viene vaporizzato prima del suo inserimento in camera. Tale precursore liquido viene denominato come diamantoide e ha le proprietà di depositare uno strato esterno, simile al diamante, contenendo catene di idrocarburi dove il carbonio realizza legami del tipo sp3, caratteristici proprio del diamante. be.s.t. benelli

In tale strato si nota un reticolo carbonio idrogeno in microstruttura amorfa, estremamente dura e inerte sotto un profilo chimico. Per contro la struttura dell’acciaio sottostante risulta microcristallina, chimicamente è reattiva e relativamente tenera: la ridotta affinità fisico chimica rileva una scarsa adesione fra i due elementi. Occorre uno strato intermedio dove le caratteristiche mutino da metalliche a intermetalliche con simili proprietà di durezza, tenacità, resistenza al calore, all’usura e alla corrosione: in poche parole le caratteristiche peculiari del diamante. Abbiamo cercato di esporre in termini asciutti e tecnici i vari passi che occorrono per realizzare il trattamento Be.S.T. a cui dobbiamo aggiungere che altre lavorazioni e trattamenti precedono e seguono la fase peculiare della deposizione. Le complicazioni relative hanno dissuaso altre aziende dal proseguire in tale ricerca. Probabilmente solo la determinazione nell’essere “più avanti da sempre” di Benelli ha consentito il raggiungimento dell’eccellente risultato: lavorazioni computerizzate e personale a livello ingegneristico appositamente formato hanno consentito il successo. Oltre alle caratteristiche sopra esposte merita aggiungere la nota sul livello estetico che, grazie alla finitura ultima, conferisce un aspetto magnifico per profondità e intensità di colore, tale da superare la più classica delle bruniture.

BE.S.T. (Benelli Surface Treatment)
Benelli BE.S.T. (Benelli Surface Treatment) è l’esclusivo trattamento coperto da segreto industriale che rende l’acciaio inattaccabile

Per la manutenzione ci sarà sempre chi non riuscirà a convincersi dell’inutilità della classica passata di olio: per accettarla occorre far mente locale pensano che al diamante dell’anello di fidanzamento basta e avanza una leggerissima passata con la pelle scamosciata o con un panno sintetico per le lenti ottiche.

4.63/5 (8)

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here