Caccia al cinghiale in Umbria, polemica per le nuove tasse da pagare

L'aumento degli importi da sostenere ha fatto infuriare le associazioni venatorie: il problema riguarda gli ATC 1 e 2.

0
Caccia al cinghiale in Umbria

Caccia al cinghiale in UmbriaLa stagione venatoria 2018-2019 in Umbria è cominciata tra mille difficoltà giuridiche per quel che riguarda la pre-apertura e ora bisogna fare i conti con una nuova polemica. Il problema è rappresentato dalla differenza in denaro che i cacciatori di cinghiali dell’Ambito Territoriale di Caccia Perugia 1 devono sostenere per gli abbattimenti. Si tratta di 25 euro in più rispetto ai 250-300 che ogni anno sostiene la squadra di cinghialisti. Lo stesso discorso vale per l’ATC Terni 3.

In quest’ultimo caso, però, l’aumento è stato differenziato, con rialzi che vanno dai 5 ai 34 euro a seconda del distretto venatorio. La polemica tra Ambiti e associazioni venatorie umbre è quindi accesissima. Le stesse associazioni hanno alzato la voce sugli aumenti tariffari che sono stati motivati dai maggiori danni causati dalla fauna selvatica e che sono risarciti dagli ATC. Il risarcimento si basa sulle quote e sul contributo annuo della Regione Umbria.

Nel corso del 2017 i danni alle colture agricole in questo territorio sono stati quantificati economicamente in 700mila euro. I soldi dell’ente locale non sembrano bastare e i cacciatori non riescano più a sopportare di dover colmare la differenza. L’inizio dell’attività venatoria è stato faticoso e tempestoso, questa ulteriore discussione rischia di avvelenare ancora di più il clima.

Non è presente ancora nessuna valutazione.

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here