Caccia con Arco: Perugia, presidente provincia con animalisti

0

Scoiattolo Grigio - Sciurus CarolinensisCaccia con Arco: Perugia, il presidente della Provincia, Aviano Rossi, si schiera con animalisti della Lav contro i provvedimenti regionali riguardanti la Caccia con l’Arco ed il controllo degli Scoiattoli Grigi.

Il vicepresidente della Provincia Aviano Rossi ha firmato la petizione della Lega Antivivisezione contro il provvedimento regionale di “soppressione degli scoiattoli grigi”. Con l’occasione Rossi ha anche appoggiato la battaglia della stessa organizzazione contro la possibilità, in Umbria, di Praticare la caccia gli animali con l’arco. “É incomprensibile – ha detto Rossi – che una Regione che ha avviato la partecipazione di una legge sulla tutela degli animali e del loro benessere in grado di farla diventare un modello di riferimento a livello nazionale, possa assumere decisioni come lo sterminio degli scoiattoli, o la caccia con l’arco”.

 

Proseguendo Rossi ha spiegato, “Sul fronte degli scoiattoli, se si prevede una invasione catastrofica, perché con il precedente progetto a fronte di centinaia di migliaia di euro sono stato soppressi meno di sessanta scoiattoli in tutto il territorio? Per motivi etici, come Provincia, abbiamo detto di no ad un nuovo progetto, attingendo alle stesse risorse europee per i dissuasori in grado di evitare incidenti stradali con cervi, caprioli ed altri selvatici, evitando feriti e morti, animali ed umane. Ma se proprio si vuol procedere al contenimento degli scoiattoli grigi, allora dopo la cattura si pratichi la sterilizzazione e li si rilasci, evitandone la soppressione”.

Riguardo alla possibilità di cacciare con l’arco il Presidente Rossi ha affermato “Incoerente ed assurda è addirittura l’autorizzazione alla caccia con l’arco, che determina sofferenze e stenti ad animali che una volta feriti, potrebbero diventare anche pericolosi. Il tiro con l’arco é uno sport nobile e da valorizzare, la caccia con l’arco é invece una pratica macabra, irrispettosa delle altre forme di vita che popolano il nostro ambiente, incoerente con la legge in corso di adozione sulla tutela animale, nonché con i valori che la terra di S. Francesco dovrebbe esprimere”.

Immediata la presa di distanza del presidente della Provincia Marco Vinicio Guasticchi: “Su caccia e firma di petizioni le iniziative del vice-presidente della Provincia di Perugia, Aviano Rossi, sono intraprese a titolo personale e non coinvolgono presidente e giunta. La posizione della Provincia di Perugia è totalmente in linea con la Regione Umbria e le altre associazioni che compongono la consulta faunistico-venatoria regionale”.

( 13 agosto 2014 )

 

 

Fonte: Corrieredell’Umbria

Non è presente ancora nessuna valutazione.

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here