Cacciatore presta il suo fucile all’amico per un colpo di prova: condannati entrambi

Dopo quattro anni è arrivata la sentenza definitiva: per il cacciatore e l'aspirante 8 mesi di reclusione e una multa pecuniaria.

1
Colpo di prova

Colpo di provaUn cacciatore che presta il proprio fucile a un amico o a un conoscente rischia la condanna penale anche se si tratta di un solo colpo di prova. Lo ha stabilito in questi ultimi giorni la Corte di Cassazione che ha esaminato il caso del titolare di una licenza di caccia e di un aspirante cacciatore. Il cambio di possesso dell’arma può durare anche soltanto pochi minuti, ma il reato viene ascritto a entrambi. Si sta parlando del porto non consentito di fucile.

I fatti risalgono a qualche anno fa. Nel 2015, infatti, il titolare della regolare licenza e il suo amico che voleva ottenere lo stesso documento e sognava di acquistare il fucile in questione (un calibro 12 per la precisione) praticarono insieme l’attività venatoria. L’arma venne prestata per quindici minuti all’amico senza porto d’armi, dunque senza alcun titolo abilitativo.

Ci fu appunto un colpo di prova e lo sparo attirò l’attenzione delle guardie forestali presenti in zona, nello specifico in provincia di Trento. Dopo la denuncia a piede libero si è arrivati al processo, concluso con questa sentenza dei giudici di Piazza Cavour che rappresenterà ora un importante precedente. La condanna inflitta è pari a 8 mesi di reclusione e 1400 euro di multa. Nelle motivazioni si può anche leggere come questo episodio non sia stato una normale esibizione, ma un possesso temporaneo del fucile.

3.38/5 (32)

Valuta questo articolo!

1 COMMENTO

  1. L’articolo 6 della 689/24.11.1981 è molto chiara; l’autore del fatto e il proprietario della cosa che servi o fu destinata a commettere la violazione; è obbligato in solido con l’autore al pagamento della violazione commessa!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here