Coldiretti Como-Lecco: “Mai così tanti cinghiali in queste zone”

Non è bastato l'allarme lanciato dal prefetto Andrea Polichetti, i cinghiali sono troppi anche per Coldiretti.

0
Como-Lecco

Como-LeccoNon è bastato l’allarme lanciato dal prefetto Andrea Polichetti, i cinghiali sono troppi anche per Coldiretti che anche negli ultimi giorni ha raccolto le segnalazioni preoccupate dei suoi associati. “Sono stati proprio i blocchi a favorire, indirettamente, il dilagare del problema, con cinghiali e selvatici che si sono riversati sulle strade sgombre senza più timore di auto e uomini. E il rischio è, quindi, aumentato a dismisura – spiega il presidente di Coldiretti Como-Lecco, Fortunato Trezzi – I dati forniti dalla Regione testimoniano che i prelievi in controllo e selezione sono aumentati, gli abbattimenti con la caccia collettiva si sono dimezzati rispetto allo scorso anno”.

Non è stato solo il covid-19 a favorire il proliferare degli ungulati. “L’inverno freddo e le nevicate anche a quote più basse hanno favorito ancor più l’avvicinamento degli animali in cerca di cibo ai centri abitati, prati e campi. Inoltre, le strade sono a costante rischio di incidenti: è evidente che le risposte finora date, sul territorio, si sono rivelate insufficienti a risolvere il problema: ora è necessario affrontare la situazione in modo deciso e ben consapevoli che i selvatici non stanno dando tregua nemmeno nel periodo invernale”. Uno scenario di guerra, con prati e campi che sembrano “bombardati”: in realtà si tratta dei cinghiali che scavano alla ricerca di bulbi e quant’altro per potersi alimentare, ma il risultato è che, dopo il loro passaggio, ogni attività agricola risulta in possibile.

Le imprese sono costrette a ripristinare i danni, con ingente aggravio di costi, e in molti casi tutto viene reso vano dal ripetersi delle incursioni degli ungulati. Senza contare gli innumerevoli allarmi dei cittadini che si ritrovano faccia a faccia con i cinghiali sull’uscio di casa, specie nelle zone periferiche dei borghi rurali. “La proliferazione senza freni di questi animali – prosegue il presidente di Coldiretti – oltre a preoccupare per i rischi per la salute, provocati dalla diffusione di malattie come appunto la peste suina giunta in Europa, sta provocando un’escalation di danni nelle campagne, che si vanno a sommare a quelli di altre specie selvatiche come ad esempio le nutrie, che sono ormai diffuse in diverse zone della Brianza lecchese”.

“E’ assolutamente importante intraprendere al più presto un’azione efficace di controllo e contenimento agendo anche per superare eventuali ostacoli normativi”. Soluzioni chiare ed efficaci, quindi, “a partire da un nuovo censimento che fotografi in modo chiaro una situazione ormai sfuggita di mano” chiede nuovamente Trezzi. Precisando che, ovviamente, “l’attesa di questi nuovi numeri non dovrà essere una nuova scusa per rimandare ulteriormente interventi già troppo a lungo attesi: occorre partire subito per cercare di invertire un trend che non lascia spazio alle nostre campagne ma che, allo stesso tempo, minaccia la sicurezza stessa dei cittadini e l’equilibrio di ogni ecosistema territoriale” (Il Giorno).

5/5 (3)

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here