FACE, gli europarlamentari sostengono l’Intergruppo “Biodiversità e Caccia”

L'Europa si trova ad affrontare molte sfide riguardanti la biodiversità, l'uso sostenibile del territorio e la gestione della fauna selvatica.

0
FACE

FACEIl 10 settembre, 50 membri del Parlamento europeo (deputati europei) di sette diversi gruppi politici hanno promesso il loro sostegno al ripristino dell’Intergruppo “Biodiversità, Caccia, Attività rurali”. Dalla sua prima istituzione nel 1985, l’Intergruppo funge da piattaforma tra le parti interessate all’interno del Parlamento europeo, consentendo discussioni aperte tra decisori, società civile ed esperti. All’evento “Dialogo sul futuro delle campagne europee”, organizzato dalla Federazione europea per la caccia e la conservazione (FACE) e dall’Organizzazione europea dei proprietari terrieri (ELO), il ruolo fondamentale degli attori rurali e l’importanza socioeconomica delle attività rurali è stato confermato.

L’ex presidente dell’Intergruppo, Karl-Heinz Florenz, ha aperto l’evento e ha dato il benvenuto ai deputati, ai rappresentanti di tutte le principali associazioni di caccia e alle organizzazioni di proprietari terrieri europei. Ha sottolineato l’importanza di proseguire il lavoro dell’Intergruppo, che storicamente ha fornito importanti contributi all’agenda politica durante le precedenti legislature. Torbjörn Larsson, presidente di FACE, ha dichiarato: “L’Europa si trova ad affrontare molte sfide riguardanti la biodiversità, l’uso sostenibile del territorio e la gestione della fauna selvatica, nonché i cambiamenti climatici. I cacciatori e gli attori rurali sono attori chiave per l’attuazione di politiche ambientali efficaci.

Abbiamo bisogno di una piattaforma per discutere azioni specifiche per preservare la biodiversità e garantire una campagna viva “. Alain Scriban, Consigliere speciale di ELO, ha dichiarato: “Dobbiamo contribuire a stabilire e mantenere un’agenda ambiziosa per la biodiversità e lo sviluppo rurale. A tale proposito, l’Intergruppo “Biodiversità, Caccia e Attività rurali “consentirà un dialogo proficuo tra tutti i partner responsabili. È stata e si è rivelata una piattaforma preziosa, unica a livello europeo. Prevede pressanti questioni multifattoriali e risposte relative alla biodiversità, all’agricoltura, all’ambiente, alla gestione delle risorse naturali e ai cambiamenti climatici in una visione olistica e concreta “.

5/5 (1)

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here