Federcaccia chiede suggerimenti ai cacciatori friulani sulla legge regionale

Il presidente Paolo Viezzi ha allegato il testo del Ddl per sostenere le indicazioni del mondo venatorio nel corso dell'audizione.

0
Zona Alpi

Cacciatori friulaniL’avvocato Paolo Viezzi, presidente della sezione regionale del Friuli Venezia Giulia della Federazione Italiana della Caccia ha allegato il Disegno di legge numero 220 sul proprio profilo Facebook. Si tratta delle disposizioni in materia di risorse agricole, forestali e ittiche e di attività venatoria, ricevute dalla Seconda Commissione del Consiglio Regionale. Inoltre, è stata disposta l’audizione della stessa Federcaccia. Viezzi attende le indicazioni e i suggerimenti dei cacciatori, in modo da sostenere queste posizioni insieme a quanto già deliberato dagli organi.

Il titolo del Ddl a cui i cacciatori devono fare riferimento è il quarto, suddiviso a sua volta in quattro capi. Il primo Capo contiene la disciplina dei contributi per l’avvio dei centri di lavorazione delle carni di selvaggina abbattuta durante l’attività venatoria. Il secondo capo, invece, introduce delle modifiche per quel che riguarda le specie cacciabili e i periodi di attività venatoria, in modo da uniformare il tutto alla normativa statale di riferimento e avere maggiore chiarezza sulla zona faunistica delle Alpi.

Il Capo III modifica le disposizioni sulla Legge Regionale 6/2008 (programmazione faunistica e per la caccia): in particolare, il Ddl ha come obiettivo una maggiore versatilità del piano faunistico, sostituendo ad esempio il termine “pronta caccia” con una locuzione più adeguata alle tecniche attuali di allevamento. Il Capo IV, infine, contiene una serie di articoli sulla materia faunistica, tra cui l’allevamento di selvaggina, la tassidermia e la pesca in acque interne.

Non è presente ancora nessuna valutazione.

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here