Federcaccia Toscana replica all’appello animalista di Brambilla e soci: Ma sanno cosa firmano?

0

Federcaccia ToscanaFedercaccia Toscana replica all’appello animalista della combriccola Brambilla volto a sospendere l’imminente Stagione Venatoria: Ma sanno cosa firmano?

Un gruppo di persone di chiara fama, che appare assieme alla Brambilla sotto la sigla “La coscienza degli animali”, chiede a gran voce di sospendere la caccia, causa siccità , sostenendo che il non farlo “sarebbe come imbracciare il fucile in un campo di sterminio”.

Un paragone di dubbio gusto cui sarebbe facile replicare che proprio l’ispiratore di quella tragedia era vegetariano e amava davvero molto gli animali (meno, come noto, gli umani). Nella recente attività della compagine brambilliana spiccano iniziative contro il Palio di Siena o la Sagra dei osei di Sacile, solo per fare qualche esempio: filo conduttore, un altero rifiuto di riconoscere dignità culturale e legittimità al pensiero, alle passioni e al punto di vista dell’altro.

La caduta di stile in cui incorrono i promotori dell’appello contro la caccia, il paragone con i campi di sterminio, la dice lunga sulla mitezza di approccio a questo come ad altri temi; lupi travestiti da agnelli usano l’arma del catastrofismo ambientale, per dare fiato ad una campagna che ormai si ripete stancamente ad ogni apertura di stagione venatoria. Un po’ di stupore però, dobbiamo ammetterlo, questa volta l’appello lo ha destato; la ragione? Alcune di quelle firme in calce appartengono a donne e uomini la cui storia personale le pone “le mille miglia” lontano dalle sparate della Brambilla; sembrano lì per caso, strappate approfittando di un momento di distrazione ed estorte in nome dell’amore per gli animali. Generica professione di fede, nobile causa cui peraltro nessuno negherebbe una firma.

Insomma, forse nessuno gli ha spiegato che la caccia è cosa seria, regolamentata doviziosamente e saldamente ancorata a parametri scientifici e controlli severi. E quindi capace di giudicare se esistono o meno condizioni per poter essere esercitata senza danno per il mantenimento della biodiversità.

Diversamente, se si trattasse di una adesione consapevole, non resterebbe che ammettere una amara sconfitta della ragione di fronte all’oscurantismo di campagne dal vago sapore millenarista. Ma davvero le predizioni dei Maya o quelle del mago Otelma, al cui fianco a questo punto ben figurano le campagne della Brambilla, meritano la considerazione della gente seria?

Firenze, 30 Agosto 2012

Federcaccia Toscana

Non è presente ancora nessuna valutazione.

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here