In Trentino si rinnova la collaborazione tra cacciatori e veterinari

Le associazioni venatorie e l'Istituto Zooprofilattico di Trentino sono in ottimi rapporti per quel che riguarda le analisi e la formazione.

0
Cacciatori e veterinari

Cacciatori e veterinariSta per partire la stagione venatoria 2018-2019 anche in Trentino e cacciatori e veterinari sono più uniti che mai. Da tempo, infatti, esiste una stretta collaborazione tra le associazioni dei cacciatori delle varie zone e l’Istituto Zooprofilattico di Trento. Il rapporto permette di sfruttare al meglio le analisi di laboratorio sui capi di fauna selvatica abbattuti e il controllo di malattie di diverso tipo. Inoltre, i cacciatori possono essere formati in maniera costante.

La formazione riguarda i cacciatori che sono incaricati di gestire le case di caccia. Questi locali sono stati attrezzati in modo tale da portare all’interno i capi abbattuti. Nelle stanze delle case di caccia si procede con l’eviscerazione dei selvatici, senza dimenticare la lavorazione delle carni che poi vengono distrituite tra gli associati. Nei locali viene attuato un controllo igienico particolare: non si tratta di pulizie punitive e nemmeno di tipo fiscale come può anche avvenire, ma di controlli di tipo preventivo.

L’esempio potrebbe essere seguito a breve dai cacciatori di altre parti d’Italia. In Trentino si è temuta la mancata partenza della nuova stagione venatoria a causa di un ricorso ambientalista e del Movimento 5 Stelle: politica e associazioni venatorie hanno però rassicurato sul normale inizio della caccia.

Non è presente ancora nessuna valutazione.

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here