Prelievo dei campioni di cinghiale, nuove indicazioni per i cacciatori savonesi

L'ATC SV 1 ha ricevuto le indicazioni precise dall'Istituto Zooprofilattico, elencando tutto quello che deve essere consegnato.

0
Calabria

Cacciatori savonesiL’Ambito Territoriale di Caccia Savona 1 ha ricevuto nuove indicazioni dall’Istituto Zooprofilattico per quel che riguarda il numero di campioni dei cinghiali che devono essere analizzati. Come ha reso noto l’ATC ligure, ogni squadra ha il compito di consegnare i campioni provenienti da 3 ungulati. Per ogni animale, inoltre, è necessario altro materiale.

Nell’ordine, i cacciatori sono chiamati a consegnare una provetta da sangue preso dall’occhio (in questo caso il cinghiale non dovrebbe essere ancora eviscerato), una porzione di diaframma (il muscolo), per la precisione almeno 150 grammi, la milza intera e una porzione di fegato (almeno 150 grammi, dunque circa mezzo organo per stare davvero tranquilli).

Inoltre, l’elenco comprende un orecchio del cinghiale, il cuore intero, senza dimenticare che i campioni devono essere inseriti in un sacchetto di grandi dimensioni. Una volta raccolto tutto, bisogna etichettare con data e numero della squadra, inserendo nel sacchetto grande la scheda anamnestica. I cinghiali da analizzare sono quindi diminuiti da 5 a 3: in aggiunta, non sono più necessari la porzione di gola del selvatico (utile per l’indagine sui linfonodi) e il grasso perirenale.

Non è presente ancora nessuna valutazione.

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here