Sabatti entra nel ristretto consesso dei fabbricanti di express africani

Gli express e i bockdoppelbüchse sono da tempo fucili di alta levatura proposti dalla Casa gardonese che adesso compie un salto ulteriore di categoria con un parallelo rigato, l’express appunto, progettato per le massime cartucce da Africa.

0
Un’immagine ravvicinata delle due versioni consente di apprezzare nella versione corta l’aggraziata linea di giunzione fra il profilo posteriore della bascula e lo specchio laterale della testa del calcio: estetica e funzionalità perché evita fessurazioni del legno sotto la spinta possente del rinculo
sabatti express
Un’immagine ravvicinata delle due versioni consente di apprezzare nella versione corta l’aggraziata linea di giunzione fra il profilo posteriore della bascula e lo specchio laterale della testa del calcio: estetica e funzionalità perché evita fessurazioni del legno sotto la spinta possente del rinculo

Tanto di cappello e apprezzamento incondizionato quello da attribuire alla Sabatti che in tempi non certo facili spazia con l’occhio e con la mente verso quegli orizzonti che richiamano a tutti gli appassionati delle grandi caccie le “Verdi colline d’Africa” di Hemingway. La proposta recentissima è proprio dedicata a quei selvatici emblematici che, nella lingua inglese comune sotto ai cieli australi, sono detti The Big Five, i Cinque Grandi che meritano di venire citati uno per uno principiando dall’elefante per toccare il leone, il rinoceronte, il bufalo e il leopardo. La pericolosità dei diversi soggetti consiglia una dotazione di fisico scattante, occhio allenato, sangue freddo e capacità di tiro del tutto sopra la media: insieme sarà doveroso avere fra le mani un fucile che risponda appieno alle esigenze di quei momenti in cui ci si ritroverà a tu per tu con questi fantastici abitanti della savana.

Le caratteristiche si possono concentrare in un’arma di calibro decisamente esuberante a ripetizione ordinaria per disporre di più colpi, ma i Signori della situazione affidano a due colpi, sicurissimi e in rapida successione, la loro vita e, se Cacciatori Professionisti, quella dei loro clienti. La strada tracciata a fine Ottocento dai Maestri britannici fa ancora scuola perché, ad onta delle moderne esecuzioni quasi del tutto scevre di rischi dovuti a malfunzionamenti, il mancato sparo di una carica dovuto ai diversi motivi che lasciamo immaginare, richiede il movimento dell’otturatore girevole scorrevole con dispendio di tempo e cambio di postura almeno della mano destra, quella che poi deve nuovamente agire sul grilletto. Affiancare due fucili identici e speculari, dotati di batterie o acciarini separati e di due grilletti consente di far partire in un attimo il colpo della seconda canna se il primo ci ha traditi, parimenti di doppiare il primo colpo per stoppare la carica di un selvatico che può rapidamente invertire i ruoli passando lui come cacciatore e ponendo noi come preda.

Sabatti big five
Potente il rinforzo che parte dietro al seno, sottolinea la tavola e, con un arco a tutto sesto, si distende in un filetto a bordare il dorso. Apprezzabile la lucidatura delle superfici, Sulla cartella riportata spicca il leone, uno dei Big Five

L’impostazione tecnica

Si sono viste in questi ultimi decenni varie soluzioni intese soprattutto a fornire ai cacciatori di cinghiali, e di altra selvaggina nostrana insidiata in braccata, dei due canne rigate camerati d’abitudine nei calibri tedeschi a collarino, con predilezione per lo storico 8×57 IRS per salire fino al 9,3x74R. La bascula è ricavata da quelle per le canne lisce, con alcuni accorgimenti per migliorarne la resistenza, ma per le cartucce africane dove gli Inglesi hanno sempre dettato legge, è necessaria una bascula dimensionata e strutturata appositamente: la Sabatti ha affrontato il tema con la solita sagacia portando a compimento un express che può giustamente vantare il suffisso Big Five.e lo ha fatto lavorando tutto in casa, disponendo di controlli passo dopo passo che assicurano il risultato.

Sabatti big five
Analoghe considerazioni per il fianco sinistro dove un altro dei cinque epigoni della savana si mostra in tutta la sua temile possanza: il bufalo cafro è davvero un elemento pericoloso

La bascula parte da un massello forgiato di acciaio ad alta resistenza lavorato su macchine a controllo numerico garanti dell’assoluta precisione esecutiva. Le forme ricalcano quelle di Holland & Holland con forti ispessimenti ai fianchi, specie nel punto critico sotto alla giunzione delle linee faccia e tavola, dove lo sforzo sotto sparo tende a far flettere la parte orizzontale. Gli acciai attuali garantiscono resistenza e resilienza, cioè un impedimento pressoché totale alla flessione e il ritorno al punto zero se questa dovesse verificarsi. Le canne vengono ricavate da barre di acciaio al cromo molibdeno, già bonificate con trattamento termico dal produttore, e quindi rigate per rotomartellatura a freddo: la resa balistica e di durata è migliore rispetto alle normali canne in acciaio al carbonio.

fucili sabatti express
Sul dorso di bascula la maestosità dell’elefante trova il suo giusto spazio per esibire una carica: il momento è critico. Per la parte tecnica segnaliamo come il primo tenone sia sporgente per metà della sua lunghezza
fucili caccia africana big five
Nella testa di bascula due incavi macchinati evidenziano i seni e fra questi spicca la sede della chiave di apertura. La codetta superiore ha un solo grado di rastremazione e al suo apice posteriore è inserito il tasto ben modellato della sicura

La giunzione avviene con il sistema del monobloc di culatta da cui si ricavano anche i due tenoni inferiori in cui si impegna il tassello di chiusura azionato dalla chiave. Completano il fissaggio le due bindelle saldate con speciali leghe ad alta resistenza per ovviare alla frequenze vibratorie. L’anima dell’express è nella convergenza delle canne che devono sparare nello stesso punto a una distanza predeterminata, qui prefissata in 70 metri: i moderni mezzi elettronici forniscono un pregevole aiuto, ma è la mano dello specialista che determina l’angolo giusto, con legature in ottone e piccoli cunei distanziatori procedendo da ultimo alla saldatura. Davvero un’opera da Maestri.

mirino fucile express
Molto accurata la finitura del vivo di volata delle due canne e la loro giunzione con le zeppe distanziali saldate. Nello zoccolo sopraelevato è inserito il mirino, qui del tipo con visuale tonda in ottone

Le mire aperte, quelle tradizionalmente impiegate su tali fucili, vedono il mirino montato su un robusto supporto sopraelevato e la tacca a V aperta composta da una L coricata incassata nella bindella: il braccio corto sottende la distanza minore (solitamente 50 m) mentre due fogliette abbattibili permettono l’ingaggio del bersaglio a distanze superiori. Si possono far montare i riferimenti in fibra ottica colorata o, tramite un intaglio nella bindella superiore, montare le basette di un’ottica.

sabatti safari big five
Nella testa risultano ben evidenti le cornici delle cartelle e il loro raccordo all’impugnatura a pistola sviluppata in lunghezza e con giusta arcuatura. L’incassatura ben curata mostra il legno a crescere del corretto spessore

Calciatura, scatto, sicura e estrattori        

La calciatura in due pezzi è ottenuta da noce selezionato per struttura e andamento della vena; c’è pure la parte estetica, che non guasta, ma la preminenza va data alle due caratteristiche anzidette. Un legno sottoposto a questi sforzi non deve mai fessurarsi e assorbire il pesante rinculo restituendolo in modo adeguato alla spalla del cacciatore. Il poggia guancia, gli angoli di piega e vantaggio, il calciolo in morbida gomma rossiccia (un obbligo per questa tipologia di fucili) e l’asta a coda di castoro consentono di padroneggiare l’arma con la certezza di mandare il colpo là dove si desidera.

calcio express sabatti
Colpo d’occhio sul calcio: evidente il nasello che porta l’occhio a livello con la linea di mira mentre l’appoggia guancia offre il dovuto appoggio al viso. Il calciolo in gomma rossiccia non può mancare

L’impugnatura a pistola offre una presa corretta alla mano: per restare in tema di express la guardia dovrebbe prolungarsi nel guardamano seguendo la curva dell’impugnatura e terminando al bordo della coccia metallica. Pregevole la verniciatura a olio con effetto mezzo lucido, adeguata ad esaltare la classe del fucile mentre le superfici metalliche riportano incisioni a laser composte da ramages in stile rinascimentale e scene con soggetti africani come il leone e il bufalo.

sabatti big five express
Bella e robusta la coccia metallica con l’inserimento centrale in legno modellato: il guardamano integrale con la guardia e prolungato fino alla coccia stessa completerebbe lo stile proprio dell’express

Le batterie interne hanno scatti perfettamente tarati e si possono richiedere i due grilletti come il grilletto singolo non selettivo. La sicura è a tastino posta dietro alla chiave mentre gli estrattori manuali possono venir soppiantati da quelli automatici. Per concludere la nuova realizzazione della Sabatti si rivela un pezzo importante dell’archibugeria e sarà davvero interessante sperimentarlo al tiro con quei calibri che hanno punteggiato la storia della caccia in Africa.

4.67/5 (6)

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here