Spari ai gheppi, il Comune di Lecce chiede aiuto ai cacciatori contro i bracconieri

L'assessore all'Ambiente, Carlo Mignone, ha rivolto un appello al mondo venatorio salentino dopo i recenti ferimenti.

0
Spari ai gheppi

Spari ai gheppiLe guardie ambientali hanno salvato due gheppi, i piccoli rapaci che fanno parte del genere falco e che sono noto per il loro volteggiare elegante, nella zona compresa tra Lecce e Lizzanello. Entrambi erano stati colpiti dagli spari di alcuni bracconieri e ora si trovano presso il Museo di Storia Naturale di Calimera, sempre nel Salento, per ricevere le cure del caso.

Gli episodi si sono susseguiti nel giro di poche ore e questo aumento dei fenomeni di bracconaggio ha avuto come conseguenza la reazione di Carlo Mignone, assessore all’Ambiente del Comune di Lecce. Mignone ha lanciato un appello agli “amici cacciatori”, in modo che possano diventare sentinelle nel territorio e scongiurare altri casi tanto gravi.

L’assessore ha parlato dei bracconieri in maniera piuttosto veemente, bollandoli come “mentecatti” e “falsi cacciatori”, incapaci di fermarsi persino di fronte alla bellezza di questi volatili. Il mondo venatorio leccese è quindi invitato a tenere gli occhi ben aperti per garantire la tutela ambientale e assicurare che i bracconieri paghino per i loro gesti inconsulti. Mignone ha infine ringraziato il Museo di Calimera per il tentativo in corso di salvare la vita ai rapaci. La speranza è che i ferimenti siano definitivamente conclusi.

Non è presente ancora nessuna valutazione.

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here