Ufficializzato il divieto di caccia nei boschi veneziani

Si tratta del Bosco Zaher a Dese (a nord-est di Mestre per la precisione), il Bosco Campalto e il Bosco Manente a Favaro Veneto.

0

Divieto di caccia nei boschi venezianiIl sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro, ha disposto con una apposita ordinanza il divieto di caccia in tre boschi che rientrano nel territorio del comune lagunare. Si tratta del Bosco Zaher a Dese (a nord-est di Mestre per la precisione), il Bosco Campalto e il Bosco Manente a Favaro Veneto. Come si legge sul sito web del comune, la decisione è stata presa per consentire la fruizione dei tre boschi anche in autunno e in inverno. Tra l’altro, la sospensione non si riferisce solamente al prelievo venatorio, ma anche all’addestramento dei cani da caccia.

Il divieto relativo al Bosco Zaher non è una novità assoluta, in quanto ci fu una scelta identica sei anni fa. Per quel che riguarda, invece, il Bosco Campalto, si sta parlando di una replica di quanto disposto nel 2014. Il Bosco Manente è alla sua prima volta in tal senso con la sua area di 5 ettari: è una zona frequentata molto intensamente, oltre che una estensione naturale a nord di Zaher, in attesa di essere inserito nel piano faunistico venatorio che la Regione Veneto sta approvando.

Secondo quanto riferito da Massimiliano De Martin, assessore all’Ambiente, nelle zone boschive bisogna garantire l’incolumità vietando la caccia, così da non pregiudicare la sicurezza. I boschi Zuin Terronazzo, Campagnazza e Cucchiarina sud non saranno accessibili al pubblico da settembre a febbraio.

Non è presente ancora nessuna valutazione.

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here