Umbria: Cecchini promuove conferenza venatoria con regioni limitrofe

0

CECCHINI: ”IN AUTUNNO UMBRIA PROMOTRICE CONFERENZA VENATORIA CON REGIONI LIMITROFE”CECCHINI: ”IN AUTUNNO UMBRIA PROMOTRICE CONFERENZA VENATORIA CON REGIONI LIMITROFE”

“In autunno organizzeremo in Umbria una conferenza venatoria alla quale saranno invitate le Regioni limitrofe per discutere anche le modifiche introdotte dalla legge comunitaria sulla caccia che la Conferenza degli assessori regionali alla caccia, all’unanimità, ha chiesto al Ministro delle politiche venatorie di non applicare per la stagione 2010-2011”. Lo ha annunciato l’assessore regionale alla caccia, Fernanda Cecchini, commentando l’avvenuta pubblicazione sul Bollettino Ufficiale della Regione Umbria di venerdì 9 luglio del testo del Calendario venatorio 2010-2011.
   “Per la prossima stagione – ha aggiunto Cecchini – intendiamo favorire al massimo la collaborazione e la partecipazione del mondovenatorio alla stesura del calendario, quest’anno penalizzata da un iter più breve a causa dalle elezioni amministrative e del rinnovo della Giunta regionale. Allo stesso modo il nostro impegno sarà rivolto a rafforzare l’Osservatorio faunistico-venatorio umbro in virtù del ruolo fondamentale esercitato da questo organismo per la stesura del calendario. 

 Il contributo scientifico dell’Osservatorio  ha infatti permesso che la bozza di testo sottoposta all’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale ottenesse il parere favorevole, impedendo così la messa in discussione delle scelte operate per la caccia alle varie specie”. 
“Il calendario che abbiamo approvato – ha affermato –  tiene conto delle esigenze espresse nella fase di partecipazione e del parere della terza Commissione permanente del Consiglio regionale, in uno spirito di confronto e collaborazione  costruttiva tra i diversi soggetti, anche istituzionali. E in questo quadro è quindi priva di fondamento l’affermazione che mi sarei rifiutata di partecipare alla riunione della competente Commissione della Provincia di Perugia, compiendo uno sgarbo istituzionale. Piuttosto – ha concluso Cecchini – avevo dato la mia piena disponibilità al confronto in quella sede in presenza del membro dell’esecutivo provinciale con delega alla caccia che, nel caso specifico, è il presidente Guasticchi”.

fonte: www.regioneumbria.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here