ACR sul Parco Laguna Nord, “Non si tocchino i delicati equilibri di Venezia”

0

ACR Onlus - Associazione per la Difesa e la Promozione della Cultura RuraleCaccia e Territorio: ACR Onlus esprime le proprie critiche sull’istituzione del Parco Laguna Nord, “Non si tocchino i delicati equilibri di Venezia”.

L’Associazione per la Difesa e la Promozione della Cultura Rurale – Onlus, ben radicata nel territorio della laguna veneziana, esprime forte preoccupazione e contrarietà all’ipotesi dell’istituzione del Parco della Laguna Nord. Invitiamo il Comune di Venezia a riflettere sulla concreta possibilità che i delicatissimi equilibri di una città unica al mondo possano venire intaccati dall’istituzione di un strumento vincolante come il parco, che sempre più veneziani ed amanti della natura vedono con preoccupazione.

Nel contempo, afferma il Presidente Massimo Zaratin, ci complimentiamo per la buona riuscita del Convegno di sabato 23 u.s. che abbiamo seguito con interesse, dal titolo “Da morte a Venezia alla morte della Laguna?”, progetto degli Archivi della Sostenibilità Università Ca’ Foscari Venezia, con la collaborazione dell’Associazione ambientalista Laguna Venexiana – Onlus, formata da cacciatori e pescatori.

Nell’ottica di un ripristino ambientale ed una valorizzazione degli ecosistemi lagunari e delle relative attività tradizionali lagunari, si rende necessario un esame approfondito degli effetti delle leggi vincolanti in tema di parchi italiani, prima di intaccare un patrimonio così delicato, arrivato integro fino ai giorni nostri proprio grazie all’uomo ed alle sue attività. Istituire un parco a Venezia non ha paragoni con qualsiasi altro parco del mondo, proprio perché la gente della laguna è parte integrante della natura stessa e contribuisce a renderla ricca.

Gli ultimi censimenti ufficiali sulla presenza di uccelli acquatici confermano che in 10 anni gli sforzi dell’uomo, in particolare i cacciatori ed i pescatori che sono impegnati 12 mesi all’anno in ripristini e salvaguardia ambientale, ne hanno fatto raddoppiare i numeri. Pensare ora di alterare questi delicati equilibri, vincolandoli alle leggi in materia sui parchi e le zone protette, potrebbe causare un effetto devastante per la biodiversità che popola la nostra laguna; anche solo il concetto di “valorizzazione” delle attività preesistenti potrebbe costituire una minaccia in quanto queste attività, che rappresentano poi la vita stessa dei veneziani, si sono affinate e perfezionate nel corso di secoli e non hanno bisogno di leggi “speciali” per produrre gli effetti positivi che sono sotto gli occhi di tutti, tantomeno di un impulso al turismo, quand’anche definito “ecosostenibile”.

Venezia, 25 marzo 2013

Ufficio Stampa ACR – Onlus

Non è presente ancora nessuna valutazione.

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here