Arci Caccia Siena sul nuovo Piano Faunistico Venatorio: “aria fritta ed altisonanti proclami”

0

Arci Caccia - Associazione VenatoriaArci Caccia Siena sul nuovo Piano Faunistico Venatorio provinciale: “aria fritta ed altisonanti proclami sono la foglia di fico ingiallita sulle nudità di una politica che non c’è più”.

L’approvazione del Piano Faunistico Venatorio provinciale, avvenuta con colpevole ritardo ed a seguito di infruttuosi e insufficienti tentativi di concertazione che molto spesso sono stati solo la comunicazione di decisioni già prese è l’ occasione per esplicitare la posizione dell’Arci caccia di Siena e disinnescare il tentativo di far apparire questo atto quale frutto di un clima di accordo ed unanimismo. Ci troviamo difatti davanti ad un tentativo di equilibrismo; un’arte, quella del galleggiamento alla Depretis, che francamente riaffiora spesso nella politica di oggi, ed in particolare in quella senese, ma che non produce nulla di buono. L’Arci Caccia Provinciale di Siena respinge con nettezza le dichiarazioni di chi vuole enfatizzare un clima di complicità, rimarcando invece gli elementi di disaccordo come del resto ne sono prova il lungo contenzioso tra le Categorie e l’Amministrazione Provinciale, le polemiche pubbliche apparse sulla stampa, i documenti sottoscritti dal mondo agricolo e venatorio e la richiesta di intervento al Prefetto.  Sono atti, quelli sopra citati, che esprimono inequivocabilmente un profondo disagio, una situazione di caos mai registrata in questa realtà territoriale e che dimostra che le criticità rimangono tutte in piedi. Problemi e critiche che riconfermiamo, tenuto anche conto che la lunga serie di proposte, richieste e suggerimenti riportati nel documento approvato dalla Direzione Provinciale dell’Arci Caccia, che hanno trovato solo limitati e parziali riscontri nel Piano.

Riamane ancora aperta la questione del controllo dei predatori ed in particolare della volpe, aspetto su cui ad oggi è assente una qualsiasi risposta, salvo la dimostrazione di una politica sotto ricatto, incapace di svolgere l’alta funzione a cui sarebbe chiamata, ossia governare per il pubblico interesse. Rimane aperta la vicenda della convenzione tra Provincia ed ATC per la gestione delle ZRC essendo ad oggi assolutamente non chiara la definizione del problema, con particolare riferimento alle risorse da destinare a questa attività. Rimane aperta la partita degli ATC essendo ancora lontani dal trovare riscontro la richiesta di una maggiore chiarezza circa il loro funzionamento ed il loro ruolo. L’Arci Caccia di Siena giudica in modo negativo il PFVP appena approvato, sia per quanto riguarda i contenuti che il metodo adottato nella lunga ed estenuante fase di preparazione. Un atto, questo PFVP, che appare più un “emaciato copia – incolla” di sconnesse valutazione che lo rendono “esamine ed incolore”. Innovazione, coraggio, sperimentazione, analisi e riscontro sui risultati sono contenuti non riscontrabili ed alieni nel testo approvato.

Il Piano sembra quindi un atto di chi ha le valige ormai in mano, ma non ci si preoccupa minimamente di chi e come gestirà certe pericolose scelte che attengono al futuro. Questo Piano non è frutto di una vera concertazione basata sul merito delle questioni, tanto che delle proposte dell’Arci Caccia di Siena non è stato tenuto di conto, salvo alcuni parziali aggiustamenti come nel caso della caccia al cinghiale e delle così dette squadrette; aggiustamenti dettati dalla necessità di tappare almeno alcune delle numerose falle presenti nella nave, sperando di poter continuare a galleggiare, piuttosto che dalla volontà di revisionare tutto lo scafo per poi tornare a solcare con decisione i mari aperti della buona gestione.

Il Piano Faunistico manca di una strategia di fondo e non affronta le sfide vere lanciate dalla riforma della Legge Regionale. Non viene affrontata la questione della gestione unitaria del territorio per quanto concerne gli ungulati, una delle novità maggiori della normativa regionale che prevede la creazione di unità di gestione a livello di popolazione. Manca una strategia aggressiva per fronteggiare il fenomeno dei danni così come l’argomento della gestione della piccola selvaggina stanziale è affrontato in modo generico, senza invece ricercare le cause dell’attuale situazione di difficoltà cercando di porvi rimedio anche con soluzioni innovative. Rimane la previsione di divieto per gli appostamenti fissi nei SIC e nei SIR, nonostante il contenzioso aperto e le controdeduzioni portate dall’Arci Caccia a sostegno della inutilità di questo provvedimento che tende solo a ledere i diritti dei cacciatori, senza reali risvolti conservazionistici.

Sono poi presenti nel Piano scelte inquietanti che ci impegneremo in ogni modo a contrastare sul territorio: si premiano con nuove istituzioni le AFV ed AAV, senza una preventiva analisi sui risultati raggiunti (a dir poco scarsi in molti casi), mentre dall’altro lato si danno colpi mortali alla possibilità di gestione degli Istituti faunistici pubblici. L’Arci Caccia di Siena, quindi, esprime un giudizio complessivamente negativo sul Piano. Prendiamo atto altresì, a seguito del metodo seguito per la realizzazione ed approvazione di questo atto di uno scarso apprezzamento delle proposte della nostra Associazione, si interrompe quindi un ciclo di partecipazione e di coinvolgimento con l’Amministrazione Provinciale forse in passato sottovalutato o trascurato.

Pur rispettando la volontà delle altre Associazioni ed Organizzazioni che, per senso di responsabilità, hanno deciso di non giungere all’estrema conseguenza della paralisi della gestione, l’Arci Caccia valuterà ogni iniziativa utile ad individuare le responsabilità di questa situazione caotica e per favorire un deciso cambio di rotta, attraverso tutte le azioni che si renderanno necessarie. Vorremmo quindi che il senso di responsabilità verso i nostri soci che, per adesso, ci porta a proseguire negli impegni gestionali, non sia scambiato per un atto di resa. Si tratta semmai di un cambio di strategia che non vuole essere accondiscendente verso chi ha determinato questa situazione, bensì un atto di attaccamento alla nostra terra.

14 agosto 2013

Arci Caccia provinciale di Siena

Non è presente ancora nessuna valutazione.

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here