Assurdità Animalista: Macerata, liberano ippopotamo che muore investito

0

Ippopotamo - Hippopotamus amphibiusAssurdità Animalista: Macerata, un gruppo di animalisti libera un ippopotamo del circo Orfei; l’animale fugge in preda al panico e muore dopo essere stato investito dal un auto.

Ippopotamo del circo Orfei viene liberato da un gruppo di animalisti e muore travolto da un’auto. E’ successo nella notte tra il 27 e il 28 dicembre a Villa Potenza di Macerata. Si trattava di un esemplare femmina di 8 anni, Aisha, del peso di 15 quintali, era stato liberato insieme ad altri animali in un blitz animalista. Liberato nel corso di un blitz animalista è riuscito a raggiungere la strada provinciale 361 dove è stato travolto e ucciso da un’auto in transito: questa la sorte toccata a un ippopotamo del circo Orfei che si trova accampato a Villa Potenza (Macerata). Leggermente ferito il venticinquenne alla guida dell’auto che non ha potuto fare niente per evitare l’animale. Il veicolo è distrutto. L’ippopotamo rimasto ucciso era una femmina di otto anni, Aisha. Gli animalisti avrebbero manomesso la recinzione del circo: sul posto carabinieri, polizia, vigili del fuoco e veterinari dell’Asur. Gli altri animali liberati (giraffe e dromedari) sono stati recuperarti. Il proprietario del circo ha sporto denuncia.

Altra irruzione da parte di un gruppo di animalisti nel circo Nelly Orfei, a Brescia. Secondo il racconto dei circensi, uno degli attivisti entrati nel tendone avrebbe palpeggiato una trapezista 15enne, episodio che sarebbe anche stato ripreso con una telecamera dai responsabili del circo: sul caso indagherà la polizia di Brescia. Solo la scorsa settimana alcuni animalisti avevano denunciato la presenza nel circo di due cani Chow Chow truccati da panda. I due animali sono stati sequestrati dalla polizia forestale e  il proprietario del circo è stato denunciato per maltrattamenti su animali e truffa nei confronti degli spettatori.

( 31 dicembre 2014 )

Fonte: IlFattoQuotidiano

Non è presente ancora nessuna valutazione.

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here