Bracconaggio: cacciatori denunciati nel Salento

Bracconaggio: Gli agenti del Nucleo investigativo di polizia ambientale e forestale (Nipaf) di Lecce ed i loro colleghi di Gallipoli, hanno denunciato diversi cacciatori per bracconaggio sequestrando fucili da caccia, munizioni, selvaggina e richiami sonori illegali.

0
Corpo Forestale dello Stato

Bracconaggio – Le denunce sono scattate a Galatina, in localita’ “Torre Pinta”, dove un 57enne, un 64enne e un 65enne stavano cacciando con l’ausilio di richiami acustici illegali, ed a Melendugno, in localita’ “Masseria Zappi” dove un 60enne utilizzava lo stesso tipo di dispositivi acustici. Sono stati sequestrati in totale quattro fucili, la selvaggina abbattuta e le munizioni.

Un uomo di 68 anni, di Lecce, e’ stato, inoltre, denunciato perche’ sorpreso a cacciare allodole. Anche in questo caso sono stati sequestrati fucile e selvaggina. Un altro richiamo acustico e’ stato trovato e sequestrato nelle campagne di Alliste.

I forestali di Gallipoli, inoltre, a seguito di un servizio svolto nei comuni di Alezio, Parabita, Matino, Casarano, Sannicola e Nardo’ finalizzato al rispetto della normativa che disciplina la raccolta e commercializzazione dei funghi freschi spontanei e a tutela della salute pubblica, hanno comminato sanzioni amministrative per un totale di circa 1000 euro ai proprietari di quattro postazioni di vendita.

I venditori, individuati ad Alezio, Galatone ed a Nardo’, esponevano funghi privi del relativo certificato di controllo e tracciabilita’ rilasciato dal competente ufficio dell’Asl. I funghi sono stati sequestrati.(AGI)

Non è presente ancora nessuna valutazione.

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here