Bracconaggio: Valsusa, fermati con carabina cal.22 e capriolo abbattuto

0

Bracconaggio Torino - Capriolo e carabina 22 sequestrati Bracconaggio: Valsusa, due bracconieri sono stati fermati dalle Guardie Venatorie volontarie della Provincia e di Federcaccia mentre si allontanavano dalla zona di Chianocco (TO) con un capriolo abbattuto con una carabina calibro 22.

Nei giorni scorsi, nella zona di Chianocco, in provincia di Torino, nella Bassa Valsusa, due bracconieri sono stati sorpresi e fermati dagli agenti faunistico – ambientali del Servizio Tutela Fauna e Flora della Provincia di Torino e dalle Guardie Venatorie volontarie della Federcaccia nell’ambito di un servizio di controllo del territorio per contrastare il fenomeno del bracconaggio. Alle prime luci dell’alba le guardie hanno notato infatti due uomini mentre rientravano da  una battuta di frodo, presumibilmente notturna, dalle alture di Chianocco molto popolate da selvatici ungulati quali caprioli, cervi e daini; i due bracconieri viaggiavano a bordo di un’automobile e durante il controllo gli agenti hanno rinvenuto all’interno del bagagliaio la carcassa di una femmina adulta di Capriolo appena abbattuta.

Inoltre i due uomini, provenienti da Chianocco e Alpignano, erano in possesso di una carabina calibro 22, il cui utilizzo a scopo venatorio è vietato dalla legge proprio perché si tratta di un tipo di arma di piccole dimensioni, facilmente occultabile, molto precisa e poco rumorosa, generalmente usata proprio nel bracconaggio; nel corso del controllo l’arma è risultato avere ancora un colpo in canna e i due bracconieri si erano equipaggiati con due potenti fari alogeni utilizzati per abbagliare la preda durante la caccia notturna.

Come se ancora non bastasse i due personaggi fermati sono risultati sprovvisti di licenza di porto d’armi pertanto sono stati denunciati a piede libero per rispondere dei reati di porto abusivo d’arma da fuoco e caccia con mezzi vietati nonché sanzionati amministrativamente per le altre violazioni riscontrate alla normativa di disciplina dell’attività venatoria; sia l’arma con le relative munizioni che l’animale abbattuto e tutto l’equipaggiamento rinvenuto sono stati sequestrati.

19 novembre 2013

5/5 (1)

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here