Caccia e Controlli: Friuli Venezia Giulia, Guardie venatorie chiedono arma

Caccia e Controlli: Friuli Venezia Giulia, le Guardie venatorie regionali chiedono di poter portare un’arma per la difesa personale durante lo svolgimento del servizio di controllo del territorio.

0
Metodi aggressivi
Guardia Venatoria - Controlli (Foto: UdineToday)
Guardia Venatoria – Controlli (Foto: UdineToday)

Caccia e Controlli in Friuli Venezia Giulia. Dopo l’omicidio del collega nel ferrarese insorgono le Guardie venatorie chiedendo alla Regione di potersi dotare di un arma per difesa personale: “Siamo senza armi, ma svolgiamo un servizio che molto spesso è di reale pericolo per la nostra persona. Il rischio è di mettere a rischio una categoria già particolarmente esposta, garante della sicurezza di boschi e campagne”.

A sottolinearlo è il coordinatore regionale del servizio di vigilanza di Federcaccia Udine Salvatore Salerno, commentando la tragedia del Ferrarese, l’omicidio di una guardia ecologica. «La dotazione di un’arma di difesa rappresenta un deterrente a tutela della nostra incolumità: siamo padri e mariti e più volte ci siamo trovati ad affrontare situazioni difficili”.

“I pericoli? – spiega Salerno – Arrivano soprattutto da caccia di frodo e bracconaggio, fenomeni diffusi nelle aree di montagna dell’intera regione. Le guardie venatorie non vanno a caccia nell’esercizio della loro funzioni. Accadesse, verrebbero immediatamente private di un titolo che, proprio per il delicato compito che svolgono, è soggetto a revisione con cadenza biennale.

“Dobbiamo essere al di sopra di ogni sospetto, – precisa Salerno – mai una guardia venatoria è stata condannata, tanti invece, negli anni, sono stati i morti tra le nostre fila sul territorio nazionale. Credo dunque sia giunto il momento di rivedere il provvedimento che, dall’estate 2013, ci priva delle armi per decisione della Prefettura. La richiesta è anche di uniformità del servizio dato che gli stessi agenti di Trieste e di Venezia operano armati. A Questura e Prefettura di Udine chiediamo perciò di trovare una soluzione”.

Con l’entrata in vigore della legge regionale 3/2016, ricorda Salerno, viene riconosciuta alle guardie venatorie ambientali la competenza su tutto il territorio regionale (sono 15 gli agenti della provincia di Udine sul territorio), con il coordinamento del Corpo forestale FVG in stretta collaborazione con gli altri organi di vigilanza.

Gli agenti di Federcaccia, informa ancora Salerno, “sono operativi durante tutto l’anno per servizi di controllo e prevenzione e hanno, per legge, la qualifica di pubblico ufficiale e di polizia giudiziaria in materia di maltrattamento animali. Difficile svolgere totalmente disarmati un’attività che ci porta a volte a contatto con chi delinque, in ore serali se non notturne.

“Continueremo a fare vigilanza diurna, – prosegue il Coordinatore – perché lasciare le nostre campagne aperte a chiunque è un pericolo per l’ambiente, per gli animali che ci vivono e per la pubblica incolumità, ma valuteremo di sospendere, nostro malgrado, quella notturna. Certamente le nostre campagne, saranno meno sicure, aperte a criminali comuni e malavita”.

Si tratta di un’attività “di grande importanza”, aggiunge il presidente provinciale di Federcaccia Adriano Piccoli ricordando che le guardie, “sempre adeguatamente qualificate e tenute a partecipare ai diversi corsi di aggiornamento, sono dotate di un automezzo di servizio ben identificabile”.

Fonte: MessaggeroVeneto-Udine

Non è presente ancora nessuna valutazione.

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here