Cacciatori della Tuscia: Viterbo, “Passato e futuro della stagione venatoria”

Cacciatori della Tuscia: Viterbo, soddisfazione per l’incontro annuale dell’associazione venatoria durante il quale si è discusso di “Passato e futuro della stagione venatoria”.

0
Cacciatori della Tuscia - Associazione Venatoria
Cacciatori della Tuscia - Associazione Venatoria
Cacciatori della Tuscia – Associazione Venatoria

Cacciatori della Tuscia: Viterbo, grande soddisfazione per l’associazione Cacciatori della Tuscia al termine dell’annuale incontro di fine stagione alla quale hanno preso parte molti cacciatori sia già tesserati che non. Lo scorso 25 marzo, infatti, si è tenuta l’assemblea che aveva all’ordine del giorno il resoconto della stagione di caccia passata e le iniziative future.

Dopo aver snocciolato un po’ di numeri, sempre in crescendo, relativi alle adesioni e presentati da Andrea Damiani, componente del direttivo, Mauro Proietti ha condotto il dibattito verso le problematiche che minacciano l’attività venatoria e le risposte e i progetti futuri dell’associazione.

La prima a essere sollecitata in questo dibattito non poteva che essere il presidente, Antonietta Mechelli. Dopo aver espresso la sua soddisfazione per quanto fatto fin ora ha ricordato, tra le altre cose, la consegna all’associazione Onlus Amici dei Bambini di Belcolle di un bilirubinometro al reparto di terapia intensiva.

Tornando alla caccia e al futuro, invece, la Mechelli ha parlato della collaborazione con l’associazione Libera Caccia che dura ormai da due anni la quale ha portato ottimi risultati dando la possibilità all’associazione di portare la propria parola all’interno delle stanze che contano facendo così realmente da tramite alle reali parole dei cacciatori che troppo spesso vengono considerati solo tessere e mai ascoltati invece è proprio il nostro ideale e la nostra forza, continua la presidente Mechelli, la trasparenza e soprattutto l’informazione unita al confronto giornaliero con chiunque voglia dire la sua opinione in merito per poi portarla nelle sale decisonali.
Tutto ciò viene poi confermato a gran voce dal vicepresidente nazionale di Libera Caccia Massimo Ceccarelli il quale ha esposto i suoi ideali e progetti sulla caccia a partire dal territorio provinciale ribadendo che questa collaborazione porterà i Cacciatori della Tuscia ad avere un loro rappresentante all’interno  dell’Atc Vt1 e del Vt2, per poter finalmente rappresentare quelle istanze che tanti cacciatori lamentano ma che, evidentemente, i numeri non hanno permesso di rappresentare fino in fondo.

Lo stesso Ceccarelli quindi si è detto molto soddisfatto di questa collaborazione ed si è prestato molto volentieri a un confronto diretto con le tante domande che i cacciatori presenti hanno formulato dando piena disponibilità e a concordando con  tutti i presenti che questi incontri dovrebbero avvenire più spesso invece a Viterbo erano decenni che nessuno organizzava una riunione del genere sicuramente la causa è la stessa pigrizia con la quale le associazioni se ne fregano di difendere i diritti dei cacciatori.

Al dibattito si è gentilmente prestato anche il consigliere regionale Daniele Sabatini che ha sempre dimostrato di essere vicino alla nostra associazione ma soprattutto ai problemi e alle richieste dei cacciatori.

Sabatini, dopo aver presentato le iniziative legislative da lui proposte in regione in merito alle nuove bozze del calendario venatorio e dei regolamenti delle aziende faunistiche e delle Zac, proprio su indicazione dell’associazione, ha chiarito a tutti gli ostacoli e le opportunità che la Regione Lazio può rappresentare rispetto all’attività venatoria dando massima disponibilità a richieste e proposte da portare avanti in un ambiente come la regione che non si dimostra di certo amico verso i cacciatori.

Al termine dell’incontro i partecipanti sono andati via soddisfatti del confronto e della possibilità avuta di contribuire, attraverso interventi e proposte ribadendo che cose del genere non sono quasi mai avvenute e solo dalla nascita dell’associazione “cacciatori della tuscia” si riesce a dar voce al singolo cacciatore. Una novità nel mondo venatorio che, troppo spesso a loro dire, ha sempre considerato gli associati come semplici tessere.

In attesa delle novità relative alle future nomine, quindi, l’associazione si è data appuntamento per la gara cinofila, in memoria di Marco Telli, che si terrà l’11 giugno All’A.a.t.v. Pian di Giorgio e la gara di tiro a volo a scopo benefico che si terrà il 28 maggio Allo Skeet club Viterbo in località Monterazzano in strada Tuscanese, gara alla quale ci si augura una presenza di massa al di là delle bandiere visto lo scopo finale.

Cacciatori della Tuscia

Non è presente ancora nessuna valutazione.

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here