Caccia – NOA Fabio Rolfi: “l’Operazione Pettirosso è una stronzata, spreco immane di soldi pubblici” e lancia appello ai parlamentari bresciani

0

Caccia: In merito all’Operazione Pettirosso che interessa le valli bresciane, condotta dai Nuclei Operativi Antibracconaggio, è intervenuto il vice capogruppo della Lega Nord al Pirellone, Fabio Rolfi.

“Come ogni anno – spiega Fabio Rolfi – assistiamo al consueto spreco di risorse che risponde al nome di “Operazione Pettirosso”, dove il NOA, in particolare in Val Trompia e Val Sabbia, si rende sempre più spesso protagonista di azioni troppo invasive nei confronti di chi legittimamente pratica l’attività venatoria. È bene porre da subito un inciso: come Lega Nord non siamo in nessuna maniera favorevoli al bracconaggio; ciononostante non possiamo neanche coprirci gli occhi di fronte alla realtà. Come evidenziato infatti da chi le valli le conosce per davvero, i fenomeni illegali sono in costante calo e l’unico risultato di queste azioni è quello di militarizzare il territorio, penalizzando e terrorizzando i cacciatori onesti.

 

Bisogna dirlo senza mezzi termini: per come è strutturata oggi, a fronte della reale resa e considerati i costi assurdi, l’Operazione Pettirosso è una vera e propria stronzata. Ma è possibile che questi agenti dello Stato debbano essere ospitati per un mese in una struttura con annessa spa? In questo momento di difficoltà economica si tratta di una vera e propria follia, una spesa assurda figlia di un atteggiamento irrispettoso verso le famiglie in difficoltà, nei confronti dei disoccupati e dei tanti cassaintegrati del territorio. Per questa ragione mi appello ai parlamentari del territorio perché episodi come questo non debbano più ripetersi in futuro.

La verità – prosegue Rolfi – è che la Guardia Forestale non serve assolutamente a nulla, se non da ammortizzatore sociale per qualche Regione del Mezzogiorno. Questo corpo andrebbe abolito e le sue funzioni andrebbero demandate a chi davvero conosce il territorio, ovvero alla polizia provinciale e quella locale. Si risparmierebbero ingenti somme di denaro e – chiosa Fabio Rolfi – si eviterebbe il consueto pellegrinaggio di forestali inviati da Roma nelle saune degli alberghi valtrumplini.”

Ufficio Stampa Lega Nord
Milano, 27 ottobre 2014

– – Come ricevuto Pubblicato – –

Non è presente ancora nessuna valutazione.

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here