CIA Rovigo: “Le nutrie stanno devastando le coltivazioni e i canali del Delta del Po”

Stanno devastando gli appezzamenti agricoli coltivati a grano di Porto Tolle e, più in generale, del Delta del Po.

0
Rovigo

RovigoStanno devastando gli appezzamenti agricoli coltivati a grano di Porto Tolle e, più in generale, del Delta del Po. Non solo. Praticano pericolosi fori, che talvolta si trasformano in veri e propri tunnel, negli argini dei canali, mettendo a rischio la stessa sicurezza idrogeologica. In tutta la provincia il fenomeno delle nutrie sembra ormai essere fuori controllo, con addirittura 220mila capi stimati nelle campagne. Da qui la decisione di convocare una riunione operativa ad hoc da parte del Prefetto, Maddalena De Luca. “Le nutrie -sottolinea il direttore di Cia Rovigo, Paolo Franceschetti- causano gravissimi problemi alle coltivazioni e a tutto il sistema idraulico Polesano.

Le attività messe in campo per il loro contenimento si stanno rilevando del tutto insufficienti”. Nell’ultimo periodo le catture marcate negli appositi registri sono state “solo” 11.000. Troppo poche, secondo Cia Rovigo. Così come non bastano le nove guardie provinciali abilitate ad attività di abbattimento notturno (peraltro una sola volta alla settimana). “Occorre uno snellimento burocratico relativamente al rilascio dei permessi di contenimento -commenta Andrea Medea, responsabile tecnico Cia Rovigo-. Vanno inoltre istituiti dei gruppi di volontari, formati da cacciatori e agricoltori, in grado di agire velocemente laddove si presenta il problema.

Non ci devono essere per forza pure le guardie provinciali durante gli interventi”. Dato che le nutrie non conoscono confini, “è fondamentale operare su tutto il territorio, anche nelle aree protette o all’interno del Parco del Delta del Po. L’obiettivo è l’eradicazione definitiva, non vi sono alternative”. Tale animale si nutre principalmente di parti vegetali, tra le quali preferisce le radici, i tuberi e i rizomi. “Si muovono in maniera subdola -chiarisce il presidente di Cia Rovigo, Giordano Aglio-.

Solitamente costruiscono delle tane vicino alle arginature, le quali, inevitabilmente, cedono in caso di transito dei trattori e dei mezzi agricoli in generale. Alla perdita dei raccolti si aggiunge, dunque, un pericolo per l’agricoltore stesso e per l’intero equilibrio idrogeologico”. “Scavano delle buche, che arrivano ad una profondità di 5 metri e mezzo: ragion per cui sotto la superficie dei terreni si crea il vuoto. Le tane non si vedono, transitandovi sopra i trattori si possono addirittura ribaltare”. Questa specie, inoltre, ha un potenziale riproduttivo molto elevato: la femmina può venire fecondata durante tutto l’anno e perfino poche ore dopo il parto. I piccoli partoriti sono, in genere, 5 o 6.

5/5 (2)

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here