Coppa Italia per cani da seguita su lepre a Viterbo, un successo sotto ogni profilo

L'evento destinato alle mute e organizzato da Federcaccia è giunto alla sua undicesima edizione.

0
Cani da seguita su lepre

Cani da seguita su lepreUn successo sotto ogni profilo: è stata descritta in questa maniera da Federcaccia Lazio l’undicesima edizione della Coppa Italia per cani da seguita su lepre in muta (categorie A e B a seconda dell’iscrizione o meno all’ENCI) che si è svolta dal 17 al 20 novembre scorsi a Montefiascone, in provincia di Viterbo. La macchina organizzativa ha funzionato al meglio, grazie anche alla preziosa collaborazione di “Segugi e Segugisti”.

L’evento cinofilo si è svolto nelle ZRC dell’Ambito Territoriale di Caccia Viterbo 1, rinomate per i terreni e per la qualità dei selvatici: è proprio qui che hanno avuto luogo le semifinali del 19 e 20 novembre, per la precisione nelle aziende faunistico venatorie “Chiusa Farina” di Ischia di Castro e “Il Tesoro” di Acquapendente. Il maltempo ha caratterizzato le giornate di gara, un dettaglio che, insieme alla presenza di ungulati nei terreni, non ha certo reso semplice la vita degli equipaggi.

La Coppa Italia per la categoria A è stata conquistata dalla muta di cani di Andrea Cataldi, seguito dagli equipaggi di Massimo Sarandrea e Rodolfo Del Treste. Nella categoria B ha invece trionfato Michele Calderari, mentre al secondo e al terzo posto sono giunti Giorgio Sorichetti e Giovanni Ferrero. Il numero uno di Federcaccia Lazio, Aldo Pompetti, ha voluto ricordare il messaggio divulgato con questa manifestazione, cioè il “rispetto per l’ambiente e per la selvaggina”.

Non è presente ancora nessuna valutazione.

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here