Ferrara, burocrazia e ambientalisti impediscono il contenimento delle nutrie

Come lamentato dagli agricoltori, la procedura non funziona e verrà chiesta nei prossimi mesi una semplificazione.

0
Cacciatori bergamaschi

Contenimento delle nutrieLa Confederazione Italiana Agricoltori (CIA) di Ferrara ha lanciato l’allarme sulla presenza delle nutrie nella provincia emiliana. In particolare, gli agricoltori del posto si sono detti stanchi di pagare per i danni provocati dai roditori, ormai fuori controllo. In particolare, il sistema di contenimento non sembra funzionare a causa della burocrazia e delle ideologie ambientaliste. I coadiutori sono molto perplessi e delusi, anche perchè il problema è grave ma non viene ancora considerato tale.

Un agricoltore di Argenta, Romano Tonini, ha parlato di un livello di esasperazione che non può più essere sopportato. Il problema delle nutrie è strutturale, in più è stato necessario rispettare il divieto di abbattimento nel periodo in cui era ricercato il cosiddetto “killer di Budrio”. Il lavoro dei coadiutori è stato efficace per un certo periodo di tempo, dato che questi soggetti uscivano subito dopo una chiamata, intervenendo con tempestività.

Attualmente, invece, bisogna chiamare la Polizia Provinciale per l’autorizzazione e spesso si attendono anche tre giorni prima del contenimento vero e proprio. L’iter attuale non convince e i volontari sono sempre più dissuasi dagli innumerevoli ostacoli. Nei prossimi mesi verrà chiesta una semplificazione della procedura: le nutrie stanno rovinando in questi giorni i seminativi, soprattutto il grano, mettendo a rischio la sopravvivenza delle aziende agricole.

Non è presente ancora nessuna valutazione.

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here