Il Consiglio Regionale delle Marche respinge la mozione per il rinvio della caccia

Il consigliere Sandro Bisonni aveva chiesto anche di vietare la caccia da appostamento e l'addestramento dei cani da caccia.

0
Abilitazioni venatorie

Rinvio della cacciaIl Consiglio Regionale delle Marche ha deciso di respingere la mozione presentata dal consigliere Sandro Bisonni (Gruppo Misto) con cui era stata chiesta la sospensione della caccia da appostamento a causa della situazione climatica. Inoltre, Bisonni puntava al rinvio della stagione venatoria 2017-2018, con la conseguente limitazione dei carnieri.

Si tratta dell’ennesimo tentativo di incidere sulla caccia prendendo a pretesto gli incendi e la siccità, proprio ora che le temperature sono scese e si sono registrati temporali in tutta Italia. Il Consiglio marchigiano ha respinto ogni richiesta, nonostante nella mozione fosse stato sottolineata la loro rispondenza alle indicazioni dell’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA).

Bisonni non l’ha presa affatto bene, spiegando come si sia preferito dare più importanza a “un pugno di voti”, senza pensare all’ambiente. Tra gli altri impegni che il consigliere avrebbe voluto da parte della Giunta Regionale c’erano anche la sospensione dell’autorizzazione a svolgere l’addestramento e l’allenamento dei cani da caccia e il divieto di prelievo venatorio all’interno delle aree forestali incendiate per almeno due anni.

Non è presente ancora nessuna valutazione.

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here