In Lombardia una commissione per abilitare al controllo selettivo dei cormorani

Il prelievo attualmente può essere effettuato solo dagli agenti delle polizie provinciali, ormai in numero esiguo a causa della Legge Delrio.

0
Cormorani

CormoraniUna Commissione unica regionale per la selezione degli operatori autorizzati a effettuare il controllo selettivo del cormorano. Ne prevede l’istituzione una delibera regionale, approvata oggi dalla Giunta, su proposta dell’assessore all’Agricoltura, Alimentazione e Sistemi verdi della Lombardia Fabio Rolfi, per far fronte alla presenza eccessiva di cormorani che sta danneggiando la pesca sportiva e professionale in Lombardia. “Anche quest’anno abbiamo autorizzato il prelievo di 993 esemplari nei territori delle province di Varese, Como, Lecco, Bergamo e Brescia – ha commentato l’assessore Rolfi -. Il prelievo attualmente può essere effettuato solo dagli agenti delle polizie provinciali, ormai in numero esiguo a causa della Legge Delrio.

Per questo abbiamo deciso di istituire una Commissione regionale che abbia il compito di esaminare le richieste dei cacciatori che si candidano per il rilascio della abilitazione al controllo selettivo del cormorano”. Il piano di controllo selettivo attualmente attivo in Lombardia prevede, dal 1° ottobre 2019 al 15 marzo 2020, l’abbattimento di 993 esemplari, pari al 10% degli individui di cormorano conteggiati in Lombardia. La Commissione sarà composta da un dirigente, individuato all’interno dell’Amministrazione regionale, competente in materia faunistico-venatoria, che la presiede, e relativo dirigente supplente, e da due esperti in materia faunistico-venatoria, individuati all’interno dell’Amministrazione regionale, e relativi supplenti.

“È necessario difendere l’ecosistema dall’effetto devastante delle specie alloctone in sovrannumero – ha concluso Rolfi -. Il cormorano non solo contribuisce in maniera drastica alla diminuzione dello stock ittico, ma è causa anche di ferimento dei pesci, il che li rende suscettibili alle malattie, e spesso li induce ad abbandonare settori di habitat occupati, anche in momenti strategici quali la riproduzione o il periodo di rifugio invernale”.

5/5 (8)

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here