Incidente mortale sull’A1 a causa dei cinghiali, dopo 5 mesi la consulenza: “Fu una fatalità imprevedibile”

Tra il 3 e il 4 gennaio 2019 un branco di cinghiali attraversò all'improvviso la strada, causando tamponamenti a catena.

1
Incidente mortale

Incidente mortale La consulenza tecnica relativa al grave incidente mortale dello scorso mese di gennaio sull’autostrada A1, in provincia di Lodi, è stata depositata presso la Procura della Repubblica del comune lombardo. Tra il 3 e il 4 gennaio 2019 un branco di cinghiali attraversò all’improvviso la strada, causando tamponamenti a catena e purtroppo il decesso di un 28enne di nazionalità polacca. Le vetture coinvolte furono tre e oggi si è scoperto cosa è stato accertato da Domenico Romaniello, ingegnere e consulente, fu una fatalità imprevedibile.

La recinzione da cui erano passati gli ungulati prima di spuntare sulla carreggiata è stata considerata omologata e in uso su tutta la rete autostradale del nostro paese. Inoltre, Romaniello ha accertato la manutenzione corretta da parte di Autostrade per l’Italia. I conducenti sarebbero stati al centro del sinistro a causa del limite di velocità in quel tratto (130 chilometri orari) e della mancanza di illuminazione.

Il gestore non avrebbe quindi responsabilità, una consulenza che è destinata a far discutere. La Procura di Lodi si è riservata le valutazioni del caso, l’unica certezza da quel giorno è che un ragazzo non c’è più.

4/5 (5)

Valuta questo articolo!

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here