Ininfluente la sentenza del TAR, in Abruzzo si andrà a caccia a ottobre con un nuovo calendario

La decisione era attesa per ieri sera o al massimo questa mattina, ma la Regione ha già preparato un calendario nuovo di zecca.

0

In Abruzzo si andrà a caccia a ottobreL’attesa sentenza di ieri del Tribunale Amministrativo Regionale dell’Aquila in merito al calendario venatorio 2016-2017 dell’Abruzzo sarà praticamente inutile e ininfluente. Come riferito, infatti, dall’Eco dell’Alto Molise-Vastese, qualunque sia la decisione dei giudici ci sono altre certezze per i cacciatori. La riunione in camera di consiglio è terminata e la decisione doveva essere resa nota ieri sera o al massimo questa mattina.

La Regione Abruzzo ha deciso comunque di correre ai ripari, preparando in tempi record un nuovo calendario venatorio che andrà a sostituire quello impugnato dopo il ricorso del WWF. Come reso noto dall’assessore Dino Pepe, il calendario verrà sfruttato in caso di sospensione confermata da parte del TAR, altrimenti è ipotizzabile che il vecchio calendario rimanga in vigore.

In ogni caso, i cacciatori abruzzesi dovranno attendere la giornata di sabato 1° ottobre 2016 per iniziare l’attività venatoria come avvenuto nel resto d’Italia: l’attesa di due settimane è stata snervante e non priva di polemiche, il mondo venatorio spera ora di non avere a che fare con altre situazioni così ingarbugliate. La bocciatura da parte del Prefetto in merito alle ordinanze comunali per l’abbattimento dei cinghiali è stata invece confermata ufficialmente

Non è presente ancora nessuna valutazione.

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here