La zona rossa impedisce la caccia, diffidati Regione Campania e Governo

L'iniziativa di una serie di cacciatori rappresentati da uno studio legale dopo le recenti modifiche del Dpcm.

0
Campania

CampaniaUno Studio Legale, su mandato conferito da numerosi cacciatori, ha provveduto all’inoltro di una formale diffida a tutti gli enti regionali e nazionali, ivi compresi il Ministro delle politiche agricole, alimentari e forestali Teresa Bellanova, il Presidente del Consiglio dei Ministri Giuseppe Conte ed il Presidente della Giunta Regionale della Campania Vincenzo De Luca. Per la stagione venatoria 2020/2021, così come indicata dal calendario venatorio regionale, tutti i cacciatori hanno provveduto al versamento delle somme necessarie al regolare svolgimento della caccia. Nello specifico, hanno versato la tassa di concessione governativa, quella regionale oltre ad ogni altra tassa e/o imposta finalizzata all’ottenimento delle varie autorizzazioni di legge per lo svolgimento della suddetta attività sia nel territorio regionale che fuori regione.

A causa dell’emergenza sanitaria da Covid-19, è stato disposto dal Governo il blocco dell’attività venatoria nelle “zone rosse”, blocco che quindi ha impedito ai cacciatori campani di svolgere tale attività dal 3.11.2020 al 6.12.2020. È apparso del tutto ingiustificato un simile impedimento in ragione della prevista possibilità di svolgimento delle attività sportive ai sensi dell’art. 1, comma 9, lettera d) del DPCM del 3/11/2020, consentite purché svolte nel rispetto delle norme anti-covid. Ebbene è notorio che l’attività venatoria venga svolta all’aperto con possibilità di un distanziamento interpersonale tra i partecipanti ben maggiore di quello necessario per evitare il contagio, pertanto non si è ravvisata la ratio del blocco imposto dal Governo.

Ad oggi, con il passaggio della Campania nella “zona arancione” la caccia è consentita solo nei comuni di residenza e/o domicilio. Non va sottaciuto inoltre che, con specifico riferimento alla caccia del cinghiale, l’attività venatoria rappresenta un indispensabile strumento utile ad arginare un problema di sicurezza dati i danni provocati alle colture, gli incidenti stradali e la diffusione della peste suina: conseguenze di una diffusione incontrollata di questi animali che necessita di un contenimento. Per tali ragioni lo Studio Legale Gazzella & Partners ha richiesto a tutti gli enti regionali e nazionali preposti, ciascuno per quanto di ragione e di propria competenza, di disporre: la possibilità di esercitare l’attività venatoria anche in comuni diversi da quello di residenza e/o domicilio dei cacciatori; la proroga del calendario venatorio ai mesi di febbraio e marzo 2021; il rimborso integrale delle somme versate dai cacciatori a titolo di tasse e/o imposte per la stagione venatoria 2020/2021, nel caso di mancata adozione delle precedenti misure.

4.8/5 (5)

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here