Lombardia, ancora una fumata nera per caccia in deroga e roccoli

Nonostante le aperture formali, l'ultimo incontro in Regione per discutere di due argomenti così importanti si è risolto in un nulla di fatto.

0
TAR

Caccia in deroga e roccoliL’Associazione Cacciatori Lombardi ha diffuso una nota in merito all’ultimo incontro in Regione per discutere di roccoli e caccia in deroga. L’impegno personale del consigliere regionale Alessandro Sala e dei componenti del Gruppo Interconsiliare Caccia Brescia-Bergamo non ha prodotto risultati e tutto si è risolto in un nulla di fatto. ACL ha giudicato questa conclusione una “delusione collegiale”, come si è potuto constatare osservando i volti dei rappresentanti delle associazioni, presenti in maniera compatta per dare voce a tutte le sigle venatorie.

L’Avvocatura della Regione Lombardia ha spento presto l’iniziale entusiasmo. In effetti, nonostante le aperture formali, giuridiche e tecniche, l’applicabilità è stata ritenuta impossibile a causa dei tempi, più precisamente soltanto tre giorni lavorativi. Sono state chieste memorie legali e soprattutto dati scientifici e ricerche a supporto della delibera per la caccia in deroga, negata ancora una volta nella sua applicazione in senso pratico.

Secondo i Cacciatori Lombardi questa situazione dipende dalla mancanza di volontà politica nell’affrontare e risolvere la situazione, la quale si trascina ormai da anni. Per ACL, inoltre, la scelta odierna peserà in modo determinante sulle scadenze elettorali lombarde, nello specifico le Regionali del 2018. Il comunicato si conclude in questa maniera: “Anche il cittadino-cacciatore che sarà chiamato alle urne trarrà le sue opportune conclusioni su ciò che non è stato fatto, in particolare per le cacce tradizionali“.

Non è presente ancora nessuna valutazione.

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here