Cacciatori Lombardi: “Regione in letargo su caccia in deroga e roccoli”

Non è ancora chiara la posizione dell'Assessorato all'Agricoltura sulle due questioni e l'associazione venatoria vuole vederci chiaro.

0
Roccoli

Caccia in deroga e roccoliL’Associazione Cacciatori Lombardi è tornata a parlare di due argomenti che le stanno molto a cuore, la caccia in deroga e la riapertura dei roccoli. In particolare, ACL ha lamentato il silenzio sulle questioni, visto che non è ancora nota la vera intenzione dell’Assessorato all’Agricoltura della Regione Lombardia (il quale ha la delega alla caccia). L’autorizzazione alla deroga, in particolare, dovrebbe essere richiesta nei tempi previsti, vale a dire il prossimo mese di aprile.

L’associazione venatoria ha sottolineato come due mesi siano davvero pochi se si ragiona dal punto di vista burocratico, quindi bisogna fare chiarezza in tempi rapidi, soprattutto per capire quali sono i presupposti e le volontà politiche dell’operato regionale. I Cacciatori Lombardi non si stancheranno mai di ricordare che le deroghe venatorie sono possibili, oltre che previste da alcune direttive comunitarie, senza il bisogno della concessione di un assessore.

Finora si è evitato di affrontare la situazione per non incorrere nelle multe di Bruxelles, ma l’associazione considera questa giustificazione infondata e strumentale. Il timore principale è che ci possa essere una beffa, cioè un’apertura europea e da parte del Ministero dell’Ambiente e una scarsa preparazione della Regione. Il comunicato si conclude con una affermazione netta: “I cacciatori votano e gli animali no“.

Non è presente ancora nessuna valutazione.

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here