Parco delle Madonie, i sindaci potranno disporre l’abbattimento dei cinghiali

Dopo l'incontro tra i primi cittadini e il presidente del parco, è stato delineato l'iter da seguire per il contenimento numerico degli ungulati.

0
Federcaccia Brescia

Parco delle MadonieI sindaci che fanno parte dei comuni del Parco siciliano delle Madonie avranno la possibilità di contenere i cinghiali con apposite ordinanze di abbattimento. Come reso noto da Magda Culotta, primo cittadino di Pollina, c’è stato un vertice tra i sindaci della zona e Angelo Pizzuto, presidente del parco naturale che comprende una buona parte del territorio provinciale di Palermo.

Il meeting è servito a definire un documento per consentire ai comuni di adottare queste ordinanze, prevenendo ed eliminando i pericoli legati agli ungulati. Proprio due anni fa, tra l’altro, un anziano venne ucciso da un cinghiale a Cefalù. Le ordinanze dovranno seguire un iter ben preciso. Anzitutto, sarà necessaria la denuncia del pericolo ai Carabinieri, poi si trasmetterà il piano alla Prefettura oppure all’Assessorato Regionale all’Agricoltura, indicando periodi e aree, oltre al numero di capi da abbattere e il tipo di attività venatoria.

Non potrà mancare, infine, l’elenco completo delle persone che sono in possesso del porto d’armi per il contenimento dei selvatici. Si tratta di uno strumento in più in mano ai sindaci siciliani, ora si cercherà di capire quanto possa essere efficace e in grado di far raggiungere risultati migliori di quelli passati.

Non è presente ancora nessuna valutazione.

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here