Piano faunistico venatorio dell’Abruzzo, l’assessore Pepe incontra i cacciatori

I presidenti regionali di Libera Caccia, EPS e Arci Caccia si sono confrontati con l'assessore sul documento.

0
Colmen

Piano faunistico venatorioLe sezioni regionali dell’Abruzzo delle associazioni Arci Caccia, Ente Produttori Selvaggina e Libera Caccia sono state accolte dall’assessore alla Caccia, Dino Pepe, in occasione della compilazione del piano faunistico venatorio. I presidenti regionali si sono detti soddisfatti e ottimisti, nella speranza che ci sia sempre una collaborazione proficua per quel che riguarda questo documento.

Le associazioni venatorie sono perfettamente consapevoli del fatto che l’Abruzzo è composto da realtà molto diverse tra loro dal punto di vista territoriale. Proprio per questo motivo ogni scelta deve essere approfondita e valutata con precisione, coinvolgendo tutti i portatori di interessi.

Sia il piano che la legge regionale sono le priorità principali, ma l’attenzione non deve essere abbassata sulla stesura del calendario venatorio, sulla gestione dei cervidi (la caccia illecita è purtroppo un dato di fatto per questi ungulati) e sulla creazione dell’osservatorio faunistico regionale, fondamentale per approfondire e capire meglio la fauna selvatica abruzzese. Nel caso in cui si rendesse necessario un miglioramento della qualità del prelievo venatorio in questa regione le associazioni che si sono confrontate con Pepe hanno assicurato nuove azioni, in particolare quelle formative.

Non è presente ancora nessuna valutazione.

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here