Posticipo della caccia al cingiale in Abruzzo, Febbo risponde ai Verdi

0

Mauro FebboL’assessore alla Caccia, Mauro Febbo, replica alle dichiarazioni del consigliere regionale dei Verdi, Walter Caporale, sulla posticipazione della caccia al cinghiale.

L’assessore alla caccia, dice “Le affermazioni di Caporale si commentano da sole e dimostrano ancora una volta che sono animate da pregiudizi senza senso. Caporale dovrebbe sapere che la mia proposta di posticipare la data di chiusura della caccia al cinghiale è stata sottoscritta da tutti i gruppi consiliari ed è stata approvata dall’intero Consiglio regionale, quindi con i voti di Rifondazione, Pd, Udc, Idv, Fli e Pdl.”.

Prosegue Febbo, “Con le sue osservazioni quindi, il capogruppo dei Verdi dimostra di rimanere bloccato su posizioni settarie e marginali. Lo invito a farsi un giro per le campagne abruzzesi per verificare con i suoi occhi i danni che i numerosi cinghiali che vivono nella nostra regione causano alle colture, vanificando il duro lavoro di tanti agricoltori.

Continuando dice l’assessore, “Gli oltre due milioni di euro che ogni anno Regione e Province spendono per risarcirli potrebbero essere destinati a settori che sono in grande difficoltà come il sociale. Inoltre Caporale dovrebbe sapere che in molte regioni amministrate da governi di centrosinistra e vicini alle sue posizioni queste proroghe vengono concesse ogni anno e mi sembra che i rappresentanti del suo partito non si lamentino”.

Infine conclude Febbo, “Ero convinto che i Verdi e le loro linee di pensiero fossero uguali in tutte le regioni ma mi sbagliavo. Sono sicuro di non sbagliare però quando penso che politici come Caporale, animati solo da pregiudizi e acredine nei confronti degli avversari, non sono affatto in via di estinzione”.

 

Fonte: Regione Abruzzo

Non è presente ancora nessuna valutazione.

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here