Provincia di Alessandria, nessun passo indietro sul piano di abbattimento dei caprioli

L'ISPRA sta esaminando i dettagli del prelievo venatorio, intanto gli agricoltori e gli amministratori chiedono tempi rapidi.

0
Abbattimento dei caprioli

Abbattimento dei caprioliNel corso della giornata di ieri, lunedì 20 novembre 2017, la Provincia di Alessandria ha riunito gli agricoltori del posto, gli amministratori e soprattutto l’assessore regionale all’Agricoltura, Giorgio Ferrero, per parlare del piano di abbattimento straordinario dei caprioli. Il prelievo venatorio prevede un numero massimo di mille ungulati e attualmente è in fase di studio da parte dell’ISPRA.

L’impegno di tutti è palese, il presidente della Provincia, Gianfranco Baldi, ha auspicato una partenza in tempi rapidi e nel pieno rispetto della legge. Si dovrà procedere prima di tutto con una mappa accurata del territorio, così da capire le zone in cui gli abbattimenti saranno necessari. Gli incidenti stradali sempre più frequenti e i danni lamentati dagli agricoltori impongono una certa fretta, la sola cosa certa è che il problema deve essere risolto.

Le associazioni animaliste si sono scagliate contro questo piano ed è ancora attiva una raccolta firme online per bloccare la caccia (al momento sono poco più di 69mila i sostenitori della petizione), ma le posizioni degli attori chiamati in causa sono chiare. Tra l’altro, nonostante non si conosca il momento in cui il piano potrebbe partire, si sta pensando di renderlo esecutivo anche durante la chiusura della caccia.

Non è presente ancora nessuna valutazione.

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here