La Provincia di Alessandria annuncia l’abbattimento di altri mille caprioli

Il presidente Baldi lo ha reso noto nel corso di un'assemblea nella sede del Consorzio Tutela del Gavi.

0
Provincia di Alessandria

Provincia di AlessandriaLa Provincia di Alessandria sembra aver trovato la possibile soluzione ai danni provocati dagli animali selvatici alle coltivazioni agricole e soprattutto ai vigneti. Si tratta di un piano straordinario di abbattimento dei caprioli: Gianfranco Baldi, numero uno dell’ente locale, ha annunciato questo provvedimento nel corso dell’assemblea che si è tenuta presso il Consorzio Tutela del Gavi (è un ottimo vino bianco piemontese).

Il piano si aggiunge agli abbattimenti che sono stati già programmati dai singoli Ambiti Territoriali di Caccia, con l’obiettivo di potenziare gli strumenti di tutela ed evitare l’aumento delle richieste di risarcimento. La Regione Piemonte lo sta già analizzando e si dovrà attendere anche il parere dell’ISPRA (Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale).

L’annuncio è arrivato dopo la comprensione dell’emergenza da affrontare: come ha spiegato il presidente della Provincia, i sindaci avranno la possibilità di ordinare gli abbattimenti dei caprioli in zone ben precise del territorio comunale, anche se il periodo di prelievo venatorio sarà limitato. I cacciatori che entreranno in azione dovranno essere opportunamente qualificati. I viticoltori sono a dir poco infuriati e i danni sono incalcolabili. Anche i cinghiali rappresentano un pericolo concreto, ma per ora gli abbattimenti sono stati scarsi, ragione per cui si è pensato di attivare la caccia anche a gennaio.

Non è presente ancora nessuna valutazione.

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here