Raccolte 1060 ali di tortora, il grazie dell’Ufficio Avifauna Migratoria Federcaccia

Rispetto alla scorsa stagione (379 ali) il numero è quasi triplicato, segno che i cacciatori hanno capito l'importanza di questa analisi.

0
Ali di tortora

Ali di tortoraL’Ufficio Avifauna Migratoria FIdC esprime il più sentito ringraziamento a tutti i numerosi collaboratori e ai cacciatori che hanno inviato nella stagione in corso le ali delle tortore abbattute, consentendo di raggiungere il soddisfacente risultato di 1.060 ali analizzate, cioè più del doppio del numero di campioni ricevuto nella stagione precedente che era di 379 ali. Avevamo chiesto la vostra collaborazione ed è una grande soddisfazione verificare che avete risposto con impegno, perché significa che sempre più cacciatori comprendono quanto sia importante diventare portatori di conoscenza sulla biologia delle specie cacciabili, e collaboratori dei progetti di ricerca dell’Ufficio.

Rimandiamo le considerazioni tecniche a un prossimo articolo sulla rivista della Federcaccia, limitandoci a evidenziare che il rapporto giovani/adulti calcolato dal ricercatore Marco Fasoli, che ha ricevuto e analizzato tutte le ali, è stato di 2,7 giovani per ogni adulto, superiore quindi al valore 2,1 della stagione 2017. Da una semplice valutazione preliminare si dimostra che la presenza di giovani nel campione sia indice di un successo riproduttivo migliore di quello della passata stagione, e questo fa ben sperare per il futuro della specie. Ovviamente è necessario proseguire con campioni importanti per seguire anno dopo anno gli esiti della nidificazione e metterli in relazione con l’evoluzione della popolazione globale.

Per la prossima stagione stiamo programmando la possibilità di collaborare anche attraverso fotografie degli esemplari abbattuti, in modo da incrementare ulteriormente il campione e quindi la validità dei risultati. Il Piano d’Azione sulla tortora è stato approvato dal Comitato NADEG della Commissione Europea ed è in preparazione il Piano Nazionale. Entrambi questi strumenti prevedono, insieme alle misure sugli habitat, il monitoraggio e l’incremento della conoscenza delle popolazioni. La ricerca sulle ali è un fondamentale contributo per ottenere informazioni preziose sul successo riproduttivo della specie. Il mondo venatorio deve sfruttare queste opportunità per mantenere cacciabile la tortora, così popolare in Italia e nei Paesi mediterranei, ma è necessario il contributo di tutti.

4.5/5 (2)

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here