Secondo Congresso Nazionale sulle Filiere di Carni di Selvaggina

Questo importante appuntamento si terrà online sulla piattaforma ZOOM nei giorni del 8, 15 e 22 giugno 2021.

0

Il 2° Congresso Nazionale sulle Filiere di carni di selvaggina si terrà online sulla piattaforma ZOOM nei giorni del 8, 15 e 22 giugno 2021. Il Congresso è organizzato grazie alla collaborazione tra Società Italiana di Ecopatologia della Fauna (SIEF) e Associazione Italiana Veterinari Igienisti (AIVI) e con supporto dell’Associazione per lo sviluppo della cultura, degli Studi Universitari e della ricerca nel Verbano Cusio Ossola (ARS.UNI.VCO) e di Fondazione Onlus Uomo-Natura-Ambiente (Fondazione UNA). Il Congresso è accreditato per l’erogazione di E.C.M. per veterinari, medici, biologi, tecnologi alimentari e tecnici della prevenzione.

Motivazioni e Obiettivi del Congresso
La crescita delle popolazioni di ungulati selvatici sul territorio nazionale comporta forti criticità legate agli impatti sulle attività antropiche. La gestione faunistico-venatoria e le attività di controllo mirate al contenimento di queste specie si sono rilevate spesso non sufficienti a gestire le problematiche. Diverse sensibilità propongono punti di vista contrastanti rispetto alla necessità del prelievo venatorio e alla necessità di diminuire il consumo delle carni in genere. Un punto in comune e un obiettivo di medio-lungo periodo delle politiche ambientali è volto alla necessità di ridurre il consumo di carne di animali da allevamento intensivo, aumentare il benessere animale e ridurre l’impatto ambientale della filiera. In tal senso, le carni di selvaggina possono essere l’elemento di congiunzione tra queste visioni perché derivano da animali nati e vissuti liberi e cresciuti senza l’immissione nella catena alimentare di ulteriori input rispetto a quelli naturali. Tuttavia, è sempre più impellente giungere alla definizione di normative che regolino efficacemente l’operatività e la gestione di una filiera controllata e certificata per le carni di selvaggina selvatica, nel rispetto della tracciabilità, della qualità igienico-sanitaria del prodotto e del benessere animale.
Attraverso la partecipazione di esperti nazionali e internazionali, con competenze nei vari settori, il Congresso si pone i seguenti obiettivi:
• fornire strumenti utili a migliorare e definire la qualità e la tracciabilità del prodotto cacciato nell’ambito di una filiera locale
• descrivere le modalità di gestione di una filiera applicata a piani di controllo della selvaggina, nel rispetto delle normative e del benessere animale
• confrontarsi con altri paesi europei al fine di comprendere le modalità di applicazione e interpretazione del Pacchetto igiene valutandone le effettive ricadute gestionali

Struttura del Congresso
Martedì 8 giugno 2021, dalle ore 14.00 alle ore 19.00 – 1° Sessione
Carni di selvaggina: sicurezza alimentare e salute umana
La sessione affronta gli aspetti legati all’igiene e alla qualità delle carni di selvaggina, partendo dalle modalità di abbattimento fino alla gestione delle carcasse lungo le fasi di eviscerazione e trasporto alla cella nell’ambito di filiere controllate. La salubrità delle carni verrà analizzata anche sotto il profilo dei contaminanti ambientali e della valutazione del rischio dei patogeni emergenti. Seguirà una tavola rotonda con il Ministero della Salute ed esperti regionali relativamente al tema della sicurezza alimentare.

Martedì 15 giugno 2021, dalle ore 14.00 alle ore 19.00 – 2° Sessione
La gestione delle filiere della selvaggina nei piani di contenimento
L’esplosione demografica della fauna selvatica ha comportato la necessità di applicare sul territorio nazionale misure di controllo al fine di ridurre gli impatti con le attività umane. Le misure gestionali si dividono tra quelle poste in essere nelle aree soggette ad attività venatoria e regolamentate dalla LN 157/92 e quelle svolte all’interno delle aree protette soggette alla LN 394/91. Il controllo faunistico non tiene tuttavia ancora in conto di come utilizzare la risorsa carni di selvaggina in maniera adeguata e rispettosa delle norme nazionali e comunitarie vigenti. Per tale motivo, nell’ambito della sessione verranno portate alla luce le criticità e le opportune soluzioni da mettere in atto al fine di disporre di indicazioni condivise circa la gestione della fauna e lo sviluppo di filiere dedicate e locali di carni di selvaggina.

Martedì 22 giugno 2021 , dalle ore 14.00 alle ore 19.00 – 3° Sessione
“Safe Game Meat” – Esperienze internazionali a confronto
L’Italia, nonostante la grande presenza di fauna selvatica, importa grandi quantità di carni di selvaggina dall’estero. In questa sessione internazionale, diversi esperti europei sono stati invitati a descrivere le modalità di gestione delle carni di selvaggina messe in atto ne loro Paesi, con particolare attenzione all’applicazione e all’interpretazione delle normative comunitarie sul tema del prodotto locale, della formazione degli operatori (cacciatori, macellai, ristoratori) e delle effettive ricadute socioeconomiche sul territorio.

5/5 (1)

Valuta questo articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here